VAMPIRE – With Primeval Force

Pubblicato il 18/04/2017 da
voto
8.0
  • Band: VAMPIRE
  • Durata: 00:38:06
  • Disponibile dal: 21/04/2017
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Sony

I Vampire, una delle realtà più accattivanti partorite dalla Svezia nell’ultimo decennio, finalmente tornano fra noi. Dopo un fortunato primo album, il gruppo di Gothenburg si è preso una discreta pausa di assenza dalle scene. Nel mezzo, un breve tour europeo con gli amici Tribulation, qualche ulteriore esibizione dal vivo e la pubblicazione dell’interlocutorio EP “Cimmerian Shade”. Nell’immaginario collettivo dei cosiddetti fan della prima ora e di coloro per cui “il primo album è sempre il migliore”, “Vampire”, il suddetto album di debutto pubblicato nel 2014, resterà per sempre l’opera per antonomasia dei ragazzi; la genuina spontaneità che ha animato la sua composizione e il suo attaccamento a formule old school che si pensavano dimenticate continueranno ad esercitare un fascino troppo profondo su certi tipi di ascoltatore per far sì che ciò non avvenga. Eppure, come dimostra il nuovo “With Primeval Force”, i Vampire sono ormai molto di più di un manipolo di perfidi death metaller che trovavano ispirazione nella sfrontata semplicità dei padri Possessed, Sarcofago, Celtic Frost e Merciless. In verità, pur spingendo parecchio su strutture lineari e di facile impatto, la band in passato si era sempre guardata bene dallo scadere in rozzezze gratuite, levigando sempre a dovere melodie e produzione; qualcosa, tuttavia, è cambiato nei tre anni che separano “Vampire” dalla nuova opera: è infatti innegabile che “With Primeval Force” brilli decisamente per ispirazione e per una cura massima nei dettagli. Questa volta gli sforzi del combo non sono stati tutti concentrati sull’affilatura del riffing di chitarra, ma anche in arrangiamenti ampi e pregiatissimi che donano ad ogni brano quel qualcosa in più da renderlo subito memorabile. Abbiamo così la solita esuberanza in stile Vampire – lo dimostrano i sempre frequenti “uh!” del frontman Hand of Doom – ma anche una notevole serie di finezze e sfumature che conferiscono vitalità e pulsioni inaspettate a un sound che altrimenti, alla lunga, avrebbe facilmente potuto correre il rischio di rinchiudersi in un cerchio solitario. L’impeto è sempre stato segno distintivo del quintetto, la pelle d’oca che trasmettono certi spunti totalmente retrò anche, ora però va pure segnalata una assoluta padronanza di un sound che non è più definibile solo come thrash-death. Aprendosi a intermezzi acustici, ritmiche più ragionate e, soprattutto, ad una elegante epicità capace di evocare ora il maestro King Diamond, ora i Dissection, la formula dei Vampire si è fatta assolutamente dinamica e cangiante, diventando sorgente di brani dalle atmosfere a dir poco contagiose. Su tutti la magnifica opener “Knights of the Burning Crypt”, vero e proprio manifesto di quanto appena detto, ma come non citare i ricami di “Revenants” e il prezioso lavoro ritmico di “Initiation Rite”? A conti fatti, la sola “Skull Prayer” sembra guardare al passato, finendo per rappresentare il passaggio più lineare di un disco che, nel resto della sua durata, non manca mai di svelare una maturità innegabile e il continuo desiderio di trovare nuovi spunti per sorprenderci ed emozionarci. Questa band ora pare davvero destinata a fare grandi cose.

TRACKLIST

  1. Knights of the Burning Crypt
  2. He Who Speaks
  3. Metamorphosis
  4. Skull Prayer
  5. Midnight Trial
  6. Revenants
  7. Ghoul Wind
  8. Initiation Rite
  9. Scylla
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.