VAN CANTO – Voices Of Fire

Pubblicato il 04/04/2016 da
voto
7.0
  • Band: VAN CANTO
  • Durata: 00:55:18
  • Disponibile dal: 11/03/2016
  • Etichetta: earMusic
  • Distributore: Edel

Nati nel 2006 come ‘fenomeno da You Tube’, i Van Canto sono cresciuti di anno in anno arrivando – pur tra lo scetticismo generale, soprattutt fuori dai patri confini – a festeggiare il decimo anniversario con “Voices Of Fire”, descritto come il lavoro più ambizioso della loro già nutrita discografia, nonché primo disco a potersi fregiare del raro titolo di ‘concept album a cappella’. Partendo da una trama scritta a quattro mani con lo scrittore fantasy Christoph Hardebusch – che in contemporanea ha pubblicato il racconto inedito “FeuerStimmen – Voci di Fuoco”, un titolo più che mai adatto al contesto -, il sestetto tedesco ha dato vita ad un’opera che non mancherà di incuriosire gli amanti del fantasy, grazie anche agli intermezzi narrativi recitati da John Rhys-Davis (già re degli elfi nella serie TV “Shannara Chronicles” e Gimli nel “Signore degli Anelli”) e alla partecipazione ai cori della London Metro Voices (anch’essi presenti nella trasposizione cinematografica del più celebre romanzo di Tolkien). Un simile contorno sarebbe sufficiente a garantire, oltre all’hype mediatico, una cornice epica e magniloquente, ma anche dal punto di vista strettamente musicale i Nostri non hanno lesinato gli sforzi: dalla sezione ritmica mai così fantasiosa, grazie all’ottimo lavoro di Bastian (unico strumentista in formazione) e al basso-cantato della new-entry Ingo, alla coppia di ‘asce vocali’ di Ross & Stefan, passando per i due cantanti titolari Philip & Inga, tutto è armonizzato alla perfezione, riuscendo quasi a far dimenticare la totale assenza di strumenti a corda. Ferma restando l’abilità della formazione teutonica, a maggior ragione in un contesto di soli pezzi propri, risulta oggettivamente impossibile sopperire ai corfodoni a suon di ‘rakataka‘ e ‘badaboom‘, frenando a conti fatti il giudizio su “Voices Of Fire” ai margini della zona Hot. Ripensando a dov’erano partiti un decennio fa, la scommessa può comunque dirsi vinta in pieno, arrivando a giocarsela con Rhapsody Of Fire e Blind Guardian pur senza disporre dei mezzi di questi ultimi. Resta ora la curiosità, avendo dato fondo a tutto l’armamentario disponibile, di vedere cosa si inventeranno nella prossima release; ma questa, come si suol dire, è un’altra storia.

TRACKLIST

  1. Prologue
  2. Clashings On Armour Plates
  3. Dragonwake
  4. Time And Time Again
  5. All My Life
  6. Battleday's Dawn
  7. Firevows (Join The Journey)
  8. The Oracle
  9. The Betrayal
  10. We Are One
  11. The Bardcall
  12. To Catharsis
  13. Epilogue
  14. Hymn (Bonus Track Mediabook)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.