VAN HALEN – 1984

Pubblicato il 11/02/2019 da
voto
9.0
  • Band: VAN HALEN
  • Durata: 00:33:17
  • Disponibile dal: 09/01/1984
  • Etichetta: Warner Bros
  • Distributore: Warner Bros

1984. Una delle annate più evocative della storia umana recente. Dai fumi distopici di Orwelliana memoria, passando per le tensioni da Guerra Fredda che attanagliavano il mondo in quegli anni, il 1984 è stato un annus mirabilis per la musica ed il rock in generale, grazie alla pubblicazione di alcune gemme imprescindibili quali “Born In The USA” di Bruce Springsteen, “Powerslave” degli Iron Maiden, “Ride The Lightning” dei Metallica, “Stay Hungry” dei Twisted Sister e tanti altri ancora. Una di tali gemme è appunto il sesto lavoro in studio dei Van Halen, ultimo fino a “A Different Kind Of Truth” del 2012 con David Lee Roth alla voce, prima dell’era ‘Van Hagar’.
Questo “1984”, come gran parte dei capolavori della storia della musica, ha avuto una gestazione non propriamente semplice. Il buon Eddie Van Halen, chitarrista e compositore formidabile, tra i più iconici della storia, non era rimasto particolarmente contento dai risultati ottenuti dal precedente “Diver Down”, non tanto in termini di successo, dato che il disco vendette benissimo, quanto piuttosto dalle restrizioni creative imposte dalla Warner, la quale spinse molto sulla promozione delle cover presenti sull’album, cinque sulle dodici totali. Un altro fattore di frizione fu dato dai battibecchi con David Lee Roth riguardo la sperimentazione con l’utilizzo dei synth, cosa fortemente voluta da Eddie in quel momento della sua evoluzione artistica, ma mal vista dal lungocrinito frontman, diatriba, questa, in cui Eddie riuscì infine a spuntarla, ottenendo così il semaforo verde dall’etichetta e dagli altri membri della band di potersi esprimere in libertà (esempio lampante è la gestazione di “Jump”, pezzo scritto da Eddie anni prima ma che non fu mai preso in considerazione fino a quel momento). Ed ecco quindi giungere alle notti in bianco del combo della West Coast passate nel 5150, il famigerato studio di registrazione nella casa di Eddie a Pasadena, nonché titolo del successivo disco del 1986, per dare forma a tutte le idee del funambolico chitarrista olandese e metterle in musica. In un modo o nell’altro, questo inevitabile scontro di personalità contribuì alla creazione di quello che probabilmente è il più completo, variegato e organico lavoro della premiata ditta Van Halen, anche se ironicamente sancì pure la fine della band in lineup originale, dopo sei anni e sei album insieme, date le ormai insormontabili differenze artistiche con la primadonna David Lee Roth. Viene da sé che la scelta di utilizzare “Jump” come pezzo di apertura, forse la prima canzone inossidabilmente pop del combo californiano, sia stato sia un azzardo che una provocazione, un pezzo che è riuscito a stranire più di qualche fan all’epoca, ma che si è rivelato una scommessa vinta per il buon Eddie, diventando un intramontabile classico per la band, se non forse IL pezzo per il quale vengono ancora ricordati dalle masse trentacinque anni dopo. Abbiamo un insieme di puro rock indiscutibilmente a marchio Van Halen con la successiva “Panama”, un tipico pezzo da spararsi a palla a bordo di una El Dorado rosa sulla Pacific Coast Highway, con occhiali da sole e braccio fuori, un’altra vera e propria icona del manifesto musicale del gruppo. E se mentre “Top Jimmy” mostra il lato più old school dei ragazzi, è con “Hot For Teacher” che si toccano nuovamente le vette inarrivabili degli Eighties ormai andati, con un’intro di batteria in crescendo e l’inconfondibile tapping di Eddie Van Halen che culmina in un’esplosione di riff che non può lasciare indifferenti, trascinato anche da un video musicale tra i più tamarri e cool della decade, con un David Lee Roth che sarà stato anche un tipo difficile con cui lavorare ma che aveva davvero pochi rivali all’interno della scena in quanto a presenza scenica e spirito da rockstar. “I’ll Wait”, altro singolo scelto dalla band, un midtempo cadenzato trainato ancora una volta dai sintetizzatori, mostra una band che si trova a proprio agio anche fuori dalla propria zona di comfort, regalando un episodio energetico, perfetto come colonna sonora per una pellicola poliziesca dell’epoca, mentre “Girls Gone Bad” riporta in auge il lato più strettamente analogico del quartetto, con i riff e i virtuosismi di Eddie in primo piano, come da tradizione, ed un comparto ritmico serrato e puntualissimo ad opera dei sempre fedeli Alex Van Halen e Michael Anthony, i quali riescono a dare quella marcia in più in termini di rotondità e varietà del sound. La conclusiva “House Of Pain” fa della semplicità e dell’immediatezza la sua forza, coronando alla perfezione questa ultima fatica del primo corso dei Van Halen.
La storia ci insegna che, tristemente, questo “1984”, oltre ad essere stato uno dei lavori più a tutto tondo della band di Pasadena – e sicuramente il più influente – è stato anche il canto del cigno del vecchio corso. I Van Halen, dopo la separazione da Lee Roth, hanno continuato sulla loro strada, riuscendo ad inanellare un successo dietro l’altro e cementando la propria stella nel firmamento degli Dei del Rock, ma per chi vi scrive lo spirito genuino, caciarone e spensierato dei Van Halen ha raggiunto il proprio apice con questo piccolo, grande capolavoro degli anni Ottanta, simboleggiando il genio e la sregolatezza di un’epoca come pochi altri sono riusciti a fare, non venendo mai più eguagliato.

TRACKLIST

  1. 1984
  2. Jump
  3. Panama
  4. Top Jimmy
  5. Drop Dead Legs
  6. Hot For Teacher
  7. I'll Wait
  8. Girls Gone Bad
  9. House Of Pain
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.