VARATHRON – Patriarchs of Evil

Pubblicato il 24/04/2018 da
voto
8.0
  • Band: VARATHRON
  • Durata: 00:45:38
  • Disponibile dal: 27/04/2018
  • Etichetta: Agonia Records
  • Distributore:

Quanto tempo è necessario per giudicare un disco? Nel caso del nuovo lavoro dei Varathron, poco meno di un minuto, quando la prima, inconfondibile melodia di stampo ellenico si affaccia sulle scene incalzata da un impianto ritmico che sembra scandire i passi di una falange oplitica in marcia. Tanto basta per avere la certezza di confrontarsi con un’opera che non farà rimpiangere i migliori lavori della band dell’Epiro, ormai definitivamente uscita da quel tunnel di appannamento creativo e vicende travagliate che l’aveva inghiottita poco dopo la pubblicazione del seminale “Walpurgisnacht”. E ovviamente anche il resto del programma rispecchia la vitalità e la confidenza nei propri mezzi emanati dall’incipit di “Tenebrous”: un riffing in grado di coniugare aggressività e orecchiabilità, aprendosi ora a scenari eroici, ora ad atmosfere arcane; un lavoro di batteria fluido e variegato, mai troppo veloce come da tradizione greca; un uso parsimonioso ma efficace delle tastiere, chiamate in causa per accentuare alcuni passaggi salienti. Come per l’inaspettato exploit di “Untrodden Corridors of Hades”, Necroabyssious e soci hanno guardato esclusivamente a loro stessi e alla storia musicale della loro terra per confezionare questo lotto di brani, e il risultato finale – filtrato da un’ispirazione che non conosce battute d’arresto – è di quelli da pugni al cielo per gli ascoltatori cresciuti con il mito dei Nineties e di capolavori come “Non Serviam”, “Scarlet Evil Witching Black” o del suddetto secondo album dei Nostri. Un’intensa carrellata musicale che sa di rituali pagani e antiche battaglie, di tramonti brucianti nei cieli del Peloponneso, in cui le parole d’ordine sono ‘orgoglio’ e ‘passione’ e il concetto di black metal, una volta tanto, si discosta da immaginari nordici o tinti delle contaminazioni più disparate. La prova di come persino in un genere tanto estremo il cuore possa battere forte.

TRACKLIST

  1. Tenebrous
  2. Into the Absurd
  3. Luciferian Mystical Awakening
  4. Saturnian Sect
  5. Remnants of the Dark Testament
  6. Hellwitch (Witches Gathering)
  7. Orgasmic Nightmares of the Arch Desecrator
  8. Ouroboros Dweller (The Dweller of Barathrum)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.