VAREGO – I Prophetic

Pubblicato il 26/02/2019 da
voto
7.5
  • Band: VAREGO
  • Durata: 00:38:02
  • Disponibile dal: 15/02/2019
  • Etichetta: Argonauta Records
  • Distributore: Goodfellas

Non ci sono cenni di cedimento nella parabola siderale dei Varego, che a distanza di poco più di due anni dall’ottimo “Epoch” tornano con un album robusto, compatto, che mostra ulteriori segni di evoluzione. Dopo una breve intro di piano si entra subito nel vivo del lavoro con il singolo “The Abstract Corpse” e la title track, due brani che rappresentano al meglio lo stato di forma della band ligure, sempre più lanciata verso lidi dilatati e potenti insieme, dove si fondono alla perfezione le loro ataviche radici stoner/sludge e la dimensione space rock ormai rilevante nel loro sound. C’è un riff che entra subito in testa e un cantato evocativo nel primo caso, cadenze più liquide e un approccio più metal nel secondo brano, ma in generale tutto “I Prophetic” è un lavoro che vive di pezzi ariosi e variegati, che risultano cangianti nel loro progredire, eppure non si perdono mai per strada. “Of Dust” si apre dalle parti dei Mastodon – così come nel seguito hanno impatto simile Whe”When The Wolves Howl” e “Zodiac”: pezzi energici e mai scontati; ma in questo caso fa capolino anche una deriva psichedelica encomiabile, che apre perfettamente le porte alla delicatezza emotiva della seguente “Silent Giants”: immaginate una band della scena di Canterbury strappata a forza dagli anni Settanta e gettata a suonare sludge con mestiere, ed ecco i Varego esprimere prontamente un’altra sfaccettatura del loro poliedrico sound. Sugli scudi anche la bella e lisergica “Duelist”, dove nuovamente i quattro dimostrano che non serve particolare velocità per costruire un brano travolgente, che si muove sul confine e oltre del post: metal, prog, sludge, poco importa; cii sono emozione e potenza, ma anche capacità compositiva senza particolari esibizioni fini a se stesse: i Varego hanno trovato ormai da tempo la loro encomiabile strada e possiamo solo essere orgogliosi di un’altra band ascritta ormai tra le eccellenze musicali del nostro Paese.

TRACKLIST

  1. Origin
  2. The Abstract Corpse
  3. I Prophetic
  4. Of Dust
  5. Silent Giants
  6. When The Wolves Howl
  7. Duelist
  8. Zodiac
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.