VEILED – Black Celestial Orbs

Pubblicato il 14/04/2018 da
voto
5.5
  • Band: VEILED
  • Durata: 00:39:46
  • Disponibile dal: 16/03/2018
  • Etichetta: Iron Bonehead Prod.
  • Distributore:

Pubblicato un primo demo nel 2015, i Veiled arrivano solo oggi al disco di debutto vero e proprio, licenziato da un Iron Bonehead sempre più attenta ultimamente alla produzione di materiale di band all’esordio, o comunque alla prima pubblicazione di lunga durata. Ci muoviamo in questo caso su territori black metal piuttosto rigidi ed ortodossi, dove la legge del tremolo picking e delle lunghe, ossessive battute ripetute incessantemente la fanno ancora da padrone. Un certo versante più ‘moderno’, coniugato dalla band in una chiave cosmica ben calzante col materiale sonoro presentato, si affaccia principalmente nella scelta di fraseggi molto dilatati e non necessariamente legati alla ferale malvagità della corrente norvegese, esempio non casuale se si considera le influenze dei Veiled nella concezione e struttura dei propri brani, unito ad una melodiosità sempre presente che alleggerisce, ed in parte appiattisce, la violenza generale delle ritmiche. Senza assistere a niente di tecnicamente sconvolgente, gli americani si concentrano infatti su di una formula ben rodata, soprattutto alle loro latitudini, fatta di pochi riff prolungati e teoricamente suggestivi, centrando però il bersaglio solamente a metà. “Luminous”, così come “Portal” ed “Enshrouded” procedono a testa bassa, basate su uno svolgimento prevedibile e lineare, interrotto solamente qualche volta da sospesi passaggi in acustico che sviluppano necessariamente in esplosioni in distorto tanto inevitabili quanto attendibili. Qualche soluzione più elaborata appare giusto nella conclusiva “Black Celestial Orbs”, traccia divisa in due parti che chiude il lavoro con accorgimenti un minino più elaborati, ma comunque insufficienti a rendere l’album un prodotto di rilievo all’interno della propria scena di riferimento. Rilasciando un lavoro controllato e privo di eccentricità, i Nostri dimenticano allo stesso tempo di introdurre un carattere, una vena davvero personale che permetta non solo di distinguere questa da altre realtà analoghe, ma che consenta anche alle canzoni di assumere profondità con il passare degli ascolti. Dopo poche riproduzioni, i brani presentati finiscono infatti per esaurire la loro intima espressività e mostrare la corda di una creatività ancora troppo frenata da parte di Niðafjöll, giovane mente creativa dietro al nome Veiled. Realizzare un concept semplice, ma segnante e suggestivo, richiede una certa urgenza espressiva che per il momento sembra mancare tra i solchi di “Black Celestial Orbs”, album formalmente ineccepibile, ma carente da un punto di vista di carisma e contenuto.

TRACKLIST

  1. Luminous
  2. Portal
  3. Enshrouded
  4. Omnipotent
  5. Black Celestial Orbs I
  6. Black Celestial Orbs II
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.