VENOMOUS CONCEPT – Kick Me Silly – VC III

Pubblicato il 12/01/2016 da
voto
8.0
  • Band: VENOMOUS CONCEPT
  • Durata: 00:49:19
  • Disponibile dal: 08/01/2016
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

“Leaders, Not Followers” titolavano un paio d’album dei Napalm Death… e quando prendi metà di questa band nella forma della sezione ritmica, aggiungi un certo Dan Lilker al basso e Kevin Sharp dei Brutal Truth alla voce, con un pizzico di Anaal Nathrakh (nella veste del turnista John Cooke, talvolta presente live anche coi Napalm Death e principalmente membro dei Corrupt Moral Altar), be’, mai espressione fu più adatta a rendere l’idea dell’esito. “Kick Me Silly – VC III” è la terza fatica (e il titolo aiuta a ricordarlo, in effetti) di questa super band, di ritorno dopo ben otto anni dall’ultimo studio album; la formazione si è ormai consolidata con Shane Embury traslato alla chitarra in sostituzione dell’uscente Buzz Osborne, e rimpiazzato egregiamente al basso dall’amico Lilker, oltre, appunto, all’ingresso di Cooke come seconda chitarra. Come detto, zitti tutti e volume al massimo: il disco è semplicemente un perfetto spaccaossa senza compromessi o cali di livello, forte di ventuno tracce (più una bonus track nella versione CD) ondeggianti tra i pochi secondi e i tre minuti di durata, che ci riportano nei dorati anni del grindcore primevo. Due esempi perfetti per piangere di gioia al ricordo degli esordi di Napalm Death o ripensare a quell’altro gioiello di super gruppo che furono gli Stormtroopers Of Death sono sicuramente “Human Waste” o la esilarante “Johnny Cheeseburger”, quest’ultima dedicata al chitarrista, evidentemente anche mascotte della band. La menzione dei S.O.D. è d’obbligo, perché c’è davvero anche molto hardcore in questo album, di quello più violento chiaramente, come testimoniano il prevalere di un cantato sguaiato rispetto agli stilemi del genere grind, o i power chord ritmati di tracce come “Anthem” o “Good Times”; e del resto, come racconta Shane Embury, la band nacque quasi per gioco su un tour bus, per omaggiare i maestri Poison Idea fin dal nome. Ma infilatevi le cuffie, schiacciate Play e vedrete che non si scherza proprio: si può procedere all’ascolto in ordine, o provare un curioso cut up degno di William Burroughs, ma il risultato non cambia: con la batteria da fucina di Herrera che vi triturerà i timpani per trentacinque minuti (non entra nel conteggio, come capirete ascoltandolo, la coda dell’ultima traccia) il basso che si spande liquido sui vostri neuroni, e poi ritmiche di chitarra forsennate e dai cambi folli. Non riuscirete a restare indifferenti a pezzi come “Fucked In Czech Republic” o “Day Care”, decisamente; perché nel caso, al di là della schizofrenia di Shane & company, gli psicotici siete voi: forza con l’headbanging, e lasciatevi prendere a calci con gioia da questo fenomenale “Kick Me Silly”.

TRACKLIST

  1. Rise
  2. Bust You With Debt
  3. Anthem
  4. The Potters Ground
  5. Human Waste
  6. Leper Dog
  7. Farm Boy
  8. Head On A Stick
  9. Pretend
  10. Johnny Cheeseburger
  11. Forever War
  12. Good Times
  13. Pretty On The Inside
  14. Holiday In Switzerland
  15. Fucked In The Czech Republic
  16. Neck Tie
  17. Frontal Lobe Disorder
  18. Daycare
  19. Quazimodo
  20. Burning Fatigue
  21. Rocket Science
  22. Pissing Match (CD bonus track)
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.