VERDENA – Requiem

Pubblicato il 03/05/2007 da
voto
6.5
  • Band: VERDENA
  • Durata: 01:02:28
  • Disponibile dal: 16/03/2007
  • Etichetta:
  • Distributore: Universal

La cosa più difficile da comprendere dopo l’ascolto di “Requiem” è se i Verdena abbiano subito veramente un’evoluzione o piuttosto un’involuzione. La cosa bella di tutto ciò è che, comunque sia, Alberto e soci non si sono mai posti il problema, scrivendo di getto, mese dopo mese, i brani di questo quarto lavoro. Senza dover progettare nulla a tavolino, senza seguire un filo logico e senza seguire una precisa nuova via sonora. “Requiem” infatti è questo, una matassa di brani istintivi che non segnano un punto fermo o un nuovo inizio. Si trova di tutto, dalle loro vecchie reminiscenze (“Il Gulliver”) ad una nuova (almeno per loro) concezione sonora, più stoner e di certo meno sognante. E’ proprio questo il punto: in certi brani sembra quasi di ascoltare i Queens Of The Stone Age con la voce di Bugo (“Don Callisto”, il singolo “Muori Delay”, “Isacco Nucleare”, “Canos”). Cosa che può dimostrarsi di certo un cambio di rotta per loro, ma che purtroppo nel mondo della musica risulta comunque una strada già fin troppo esplorata dai loro predecessori, nonchè da una moltitudine di band emergenti bergamasche che mettono le sonorità ‘fuzz’ in cima alle loro preferenze. Quello che purtroppo rimane dei vecchi Verdena sono i testi senza logica, pieni di ‘catchphrase’ scioccanti e di facile presa sui giovani alternativi, giovani che passano ore a decifrare i loro versi credendo di trovarci dentro un significato. Non è comunque tutto da buttare questo lavoro, ci sono molti momenti lisergici e trasportati: la stessa “Il Gulliver”, con l’ipnotico motivetto ‘tuttuduttù’ che aleggia imperterrito per i suoi quasi dodici minuti di evoluzioni prog; la cantautoriale “Angie”, che segna nei Verdena una nuova rotta compositiva, meno psichedelica e più folk; “Non Prendere L’Acme, Eugenio”, di certo poco originale ma dotata di evoluzioni Nirvaniane; la potentissima “Isacco Nucleare”. Rimangono comunque troppi i capitoli insipidi, questo lavoro sembra decisamente meno ispirato e compatto del precedente “Il Suicidio Del Samurai”. Anche se ormai c’è da dire che i Verdena, nel bene o nel male, ora come ora sono l’unica realtà italiana ad avere visibilità nonostante la ricetta tutt’altro che commerciale.

TRACKLIST

  1. Marti in the sky
  2. Don Calisto
  3. Non Prendere L’ Acme, Eugenio
  4. Angie
  5. Aha
  6. Isacco nucleare
  7. Canos
  8. Il gulliver
  9. Faro
  10. Muori delay
  11. Trovami un modo semplice per uscirne
  12. Opanopono
  13. Il caos strisciante
  14. Was?
  15. Sotto prescrizione del dott. Huxley
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.