VERIKALPA – Tuoppitanssi

Pubblicato il 14/02/2020 da
voto
7.0
  • Band: VERIKALPA
  • Durata: 00:46:16
  • Disponibile dal: 21/02/2020
  • Etichetta: Scarlet Records
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

I Verikalpa tornano, a due anni dal loro debut, con un secondo disco e un cambio di line-up; persi tra le foreste finniche Janne e Aleksi (rispettivamente chitarra e batteria), trovano Sami e Jari come degni sostituti. Il cuore della band è un folk metal fortemente ispirato dai conterranei Finntroll e Ensiferum, quindi melodie ma un tocco più aggressivo dei portabandiera Korpiklaani. Questo “Tuoppitanssi” si apre in modo diretto e deciso, senza troppi fronzoli, ma anche in modo un po’ piatto con “Naulattujen Vaellus”. Le sorti si risollevano, però, quasi subito con “Talonväen Teuraat” e la titletrack, creando la ‘classica’ atmosfera che ci aspetteremmo da una band di questo tipo: melodie che chiamano cori e boccali di legno colmi di birra schiumosa che battono a ritmo sui tavoli, racconti di troll e vecchie leggende riportate alla vita davanti a un fuoco scoppiettante. Nulla di originale o particolarmente innovativo, ma c’è da dire che parliamo di un genere ben definito da cui i fan si aspettano determinati suoni e atmosfere; in questo i cinque di Oulu sanno svolgere un lavoro egregio, tenendo sempre il tiro alto e facendo crescere nell’ascoltatore la voglia di unirsi ai cori. La tastiera guida in modo sapiente e apprezziamo, per una volta, il concentrarsi sulla musica senza per forza ricercare dozzine di oscuri strumenti tradizionali: i Verikalpa ci danno puro folk metal della scuola finlandese, un disco che sappiamo già come suonerà ancora prima di premere ‘play’ sul lettore, ma che, non per questo, risulta di scarsa qualità o ripetitivo. Le atmosfere festose di pezzi come “Verimaat” funzionano, così come quelle più bellicose di “Karhunkaataja”. Certo, quella sensazione di musica da gioco di ruolo (che sia da tavolo o in versione videogame) è difficile da riuscire a separare dalla musica vera e propria; se i pionieri di questa scuola ci rimandavano più ad antiche leggende e saghe letterarie (pensiamo ancora ai primi Ensiferum o ai Fintroll di “Somnium”), qua il terreno è più quello dell’antica sagra di paese. Nulla di male e molti, ne siamo certi, apprezzeranno la selvaggia allegria che pervade questo disco (“Mettäväinö” con la sua intro di basso, ne è un ottimo esempio). Il limite della band finlandese è anche la sua forza: se cercate il tipico disco folk metal senza fronzoli (abbiamo già citato più volte i riferimenti), allora sarete felici e avrete un nuovo sottofondo per le vostre partite a Dungeons & Dragons. Se, invece, un certo tipo di atmosfere vi è venuto a noia, finirete per sbuffare con rassegnata frustrazione come Geralt di Rivia.

TRACKLIST

  1. Naulattujen Vaellus
  2. Talonväen Teuraat
  3. Tuoppitanssi
  4. Sankari, Saatana, Kostaja
  5. Varjosahti
  6. Peikon Kieli
  7. Verimaat
  8. Karhunkaataja
  9. Mettäväinö
  10. Haaksi
  11. Tuonen Miekka
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.