VERMINEUX – 1337

Pubblicato il 25/01/2021 da
voto
7.0
  • Band: VERMINEUX
  • Durata: 00:50:37
  • Disponibile dal: 31/01/2021
  • Etichetta:
  • Purity Through Fire

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Oltre ad essere un anno cardine nella storia europea, “1337” è anche il secondo demo dei Vermineux e nonostante sia stato stampato e distribuito dalla tedesca Purity Through Fire, nell’intento della band non è un vero e proprio album, quindi lo dobbiamo considerare secondo parametri un po’ diversi da quelli che useremmo per un disco vero e proprio.
Il titolo richiama l’anno a cui si fa risalire l’inizio della Guerra dei Cent’Anni, scoppiata per problemi dinastici tra i Valois e i Plantageneti, richiamati espressamente nella prima e nell’ultima traccia del secondo lavoro degli americani Vermineux (anche se la copertina ritrae una battaglia tra le forze di Venezia e quelle di Firenze). Doverosa premessa storica, perché la one-man band californiana aveva incentrato il primo lavoro (“1315”) sulla Grande Carestia che flagellò Francia e Inghilterra tra il 1315 e il 1317. Ci si aspetterebbe, dunque, un black metal violento e dai toni folk/epic, ma la strada scelta da Bret Tardiff (qua sotto lo psudonimo di Spectre) è ben distante. Le sensazioni oscillano tra passaggi soffusi ambient/dungeon synth e un depressive che muove i passi dai Forgotten Woods. L’atmosfera, bisogna dire, c’è tutta: produzione sporca abbastanza da rinchiuderci nel vecchio underground più elitario, ma al tempo stesso sufficientemente definita da rendere ben udibili tutti gli strumenti, compresi gli assoli di chitarra (“Crécy”), che – ad essere onesti – risultano un po’ ingenui (con la sola eccezione di quello presente in “Cotereaux”, suonato da Nick Liuzzi, compagno di Tardiff nei Minenwerfer), scostandosi stilisticamente dal resto del lavoro. “1337” vuole comunque essere un disco di atmosfera ed in questo centra il bersaglio: “Bloodlines” e “Chevalrie” ne sono un ottimo esempio, ma è il mordente a mancare a questo lavoro, il riffing lacerante, le melodie cupamente evocative e quel senso di sofferenza generale che solo l’ottimo scream di Spectre riesce a trasmettere. Come dicevamo all’inizio, quello che abbiamo davanti è un demo e certe imperfezioni nel songwriting sono assolutamente perdonabili, compresa la cover degli inglesi Sol Invictus (la splendida “A Ship Is Burning”) che risulta una mera copia con una voce che tenta di riprendere l’originale senza troppo successo. Ma, viste le premesse, mostra una band dalle ottime potenzialità. Ciò che può far pendere l’ago della bilancia verso l’acquisto fisico, diventa il supporto su cui l’etichetta tedesca ha deciso di dare alle stampe “1337” (per ora sono confermate una versione CD e una su cassetta) ed un prezzo basso che mantiene intatta la dimensione ‘demo’.

TRACKLIST

  1. Valois
  2. Bloodlines
  3. Cotereaux
  4. Oriflamme
  5. Crécy
  6. Chevalerie
  7. A Ship Is Burning (Sol Invictus cover)
  8. Plantagenet
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.