VICTIMS – The Horse And Sparrow Theory

Pubblicato il 04/07/2019 da
voto
7.0
  • Band: VICTIMS
  • Durata: 00:28:18
  • Disponibile dal: 28/06/2019
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Audioglobe

Dopo il solido “Sirens” (2016) – disco tutto sommato in linea con il loro tipico sound, anche se a tratti venato di una cupezza più pronunciata del solito – i Victims ritornano sulla scena con il loro primo album per Relapse Records, a tutti gli effetti ideale prosieguo della prova precedente. Amalgamato ulteriormente il background artistico in loro possesso, i Nostri danno corpo ad un nuovo progetto, “The Horse and Sparrow Theory”, in bilico tra il loro classico hardcore-punk scandinavo e rarefatti orditi che invocano un’amara riflessione sul presente che stiamo vivendo, fra il dramma del cambiamento climatico e l’ondata reazionaria che sta attraversando l’Italia e l’Europa. Il settimo album della band con base a Stoccolma punta dunque a costruire impalcature leggermente più complesse del solito, offrendo composizioni dall’andatura maggiormente controllata, derive doomy e atmosfere dolenti, a volte sospese in un grigiore urbano, in altre occasioni rinchiuse in un’epica malinconia. Nonostante dalla frantumazione di hardcore e punk e dalla loro fusione con altri generi siano nati negli ultimi tempi nuovi trend musicali, i Victims restano tuttavia ancorati ad una spiccata sobrietà e ad un’attitudine old school che li porta a non esagerare mai nell’esposizione delle suddette nuove sfumature e di certi inediti intarsi compositivi; l’involucro resta asciutto e robusto, l’interpretazione urlata, la rabbia tangibile. Detto della solita, apprezzabile, capacita di sintesi, si può guardare a “The Horse and Sparrow Theory” come l’onesto lavoro di musicisti sopravvissuti alle mode e al corso del tempo in maniera assolutamente dignitosa: un disco con un piede piantato nella tradizione e un altro nel presente, fra suoni familiari ed esperimenti ben calibrati.

TRACKLIST

  1. The Horse and Sparrow Theory
  2. The Birth of Tragedy
  3. There’s Blood on the Streets
  4. We Fail
  5. Fire Below
  6. The Sea and Poison
  7. Hell is Full of Good Intentions
  8. Revenge of Our Fathers
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.