VIPER – To Live Again – Live In São Paulo

Pubblicato il 27/04/2015 da
voto
8.0
  • Band: VIPER
  • Durata: 01:15:56
  • Disponibile dal: 08/04/2015
  • Etichetta: Wikimetal Music
  • Distributore:

Nuovamente con lo storico logo tondeggiante in bella mostra sulla copertina, gli iconici speed/power metaller brasiliani Viper colgono letteralmente di sorpresa il mercato, proponendo qualcosa di a dir poco speciale ed esclusivo: la registrazione completa del loro entusiasmante concerto, tenuto in quel di San Paolo nell’ormai lontano 2012, subito dopo l’ufficializzazione della tanto attesa reunion, volta a rompere il lungo silenzio dei tre anni precedenti. La formazione vede, ovviamente, il ritorno dell’immenso Andre Matos dietro al microfono, accompagnato dai suoi compagni di vecchia data Pit Passarell e Felipe Machado, rispettivamente al basso e alla chitarra, nonché dal buon Guilherme Martin alla batteria e dal recente ingresso Hugo Mariutti, direttamente dagli Shaman, in veste di secondo chitarrista; senza però dimenticare la presenza, come ospite inatteso, del mitico Yves Passarell e della sua sempre apprezzata sei corde. La scaletta invece è la vera e propria bomba di questo prodotto: entrambi i primi, magnifici album “Soldiers Of Sunrise” e “Theatre Of Fate” eseguiti nella loro interezza, con in più una conclusiva e fomentante “Rebel Maniac”, di fronte a un pubblico all’apice dell’esaltazione, come si può ben distinguere in prossimità di ogni singolo ritornello.
A livello di performance c’è poco da dire, poiché la band può fare sfoggio di una grinta e di una ritrovata passione che difficilmente ci si sarebbe aspettati, abbinate ovviamente a delle doti esecutive indiscutibili: l’iconico frontman inizia forse con qualche accenno di fatica, ma è evidente che si tratta di una problematica destinata ad esaurirsi piuttosto in fretta, giusto il tempo di scaldarsi adeguatamente la voce. Il resto della line-up non si risparmia nemmeno per un secondo, continuando ininterrottamente a macinare riff e sfuriate, sempre con quell’incredibile gusto melodico che ha permesso ai due album in questione di divenire le gemme di culto che sono tutt’ora. Nulla viene lasciato al caso, e la scenografia tutto sommato abbastanza scarsa viene perfettamente compensata da un senso di pienezza visiva e sonora che poche altre band possono vantare, e noi stessi, pur assistendo al concerto solo in versione registrata, non abbiamo potuto fare a meno di esaltarci, imbracciando a nostra volta una chitarra elettrica e un microfono di fronte allo schermo.
Non ci è dato sapere quale sarà il seguito di questa interessantissima operazione, ad opera di una delle formazioni sudamericane più di culto dell’intero panorama heavy metal, ma di una cosa possiamo essere certi: i Viper sono tornati in tutto il loro splendore; ed è proprio così che li vogliamo, tutti noi che continuiamo inesorabilmente a divorare pane e power metal di qualità. Fate vostra una copia del DVD con la registrazione di questo live appena potete, perché ne vale davvero la pena.

TRACKLIST

  1. Knights of Destruction
  2. Nightmares
  3. The Whipper
  4. Wings of the Evil
  5. Signs of the Night
  6. Killera ( The Princess Of Hell )
  7. Soldiers of Sunrise
  8. Law of the Sword
  9. H.R.
  10. At Least A Chance
  11. To Live Again
  12. A Cry From The Edge
  13. Living For The Night
  14. Prelude to Oblivion
  15. Act One
  16. Theatre of Fate
  17. Moonlight
  18. Rebel Maniac
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.