VIRGIN STEELE – Visions Of Eden 2017

Pubblicato il 01/04/2017 da
voto
5.0
  • Band: VIRGIN STEELE
  • Durata: 02:40:00
  • Disponibile dal: 17/02/2017
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

“Visions Of Eden”, per i fan più giovani dei Virgin Steele, giunge dopo i due capitoli “House Of Atreus” e sancisce l’inizio di una parabola discendente da parte di David DeFeis e compagni. Dal punto di vista lirico e concettuale, a dire il vero le tematiche trattate si rivelano molto interessanti, il disco infatti parla di Lilith, la primissima donna che ha affiancato Adamo nel giardino dell’Eden. Questo concept si sposa con il romanticismo tipico della penna di DeFeis. Altrettanto però non si può dire della musica, sempre più lontana dai fasti epic metal di capolavori come i due “The Marriage Of Heaven And Hell” o il battagliero “Invictus”, o i due già citati “House Of Atreus”. Il mix bombastico tra metal, pianoforte e linee vocali sontuose questa volta sembra mancare di ispirazione, mostrano una band fiacca, un po’ stantia, quasi intenzionata ad adagiarsi sugli allori dopo una serie di buonissime prove in studio. Ed il risultato si sente eccome. Questa ristampa di “Visions Of Eden” offre il cd totalmente remixato, qualche miglioria a onor di cronaca si sente, ma siamo lontani da quella qualità necessaria a giustificare l’acquisto della nuova riedizione, soprattutto per chi è in possesso dell’originale. Invece di escogitare qualche stratagemma per invogliare l’ascoltatore all’acquisto, viene offerto un secondo CD bonus contenente l’intero disco col mix originale, ma questa volta rimasterizzato, una mossa che dal nostro punto di vista appare inutile e controproduttiva. Qualche bonus track, qualche pezzo live, qualche inedito sarebbero stati graditi molto di più. Una ristampa che lascia il tempo che trova, non solo perché “Visions Of Eden” non potrà mai essere ricordato come uno dei capolavori firmati Virgin Steele, ma soprattutto per la totale mancanza di materiale inedito. Che la band di DeFeis sia una delle più ristampate in ambito classic metal è un dato di fatto, ma piuttosto di operazioni come questa, preferiamo attendere qualche anno in più con la speranza che la formazione di New York ritorni con un disco di inediti in grado di far brillare nuovamente di gioia gli occhi dei fan.

TRACKLIST

  1. Immortal I Stand (The Birth Of Adam) (Re-Mixed)
  2. Adorned With The Rising Cobra (Re-Mixed)
  3. The Ineffable Name (Re-Mixed)
  4. Black Light On Black (Re-Mixed)
  5. Bonedust (Re-Mixed)
  6. Angel Of Death (Re-Mixed)
  7. God Above God (Re-Mixed)
  8. The Hidden God (Re-Mixed)
  9. Childslayer (Re-Mixed)
  10. When Dusk Fell (Re-Mixed)
  11. Visions Of Eden (Re-Mixed)
  12. Immortal I Stand (The Birth Of Adam) (Re-Mastered)
  13. Adorned With The Rising Cobra (Re-Mastered)
  14. The Ineffable Name (Re-Mastered)
  15. Black Light On Black (Re-Mastered)
  16. Bonedust (Re-Mastered)
  17. Angel Of Death (Re-Mastered)
  18. God Above God (Re-Mastered)
  19. The Hidden God (Re-Mastered)
  20. Childslayer (Re-Mastered)
  21. When Dusk Fell (Re-Mastered)
  22. Visions Of Eden (Re-Mastered)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.