VISIONS OF ATLANTIS – trinity

Pubblicato il 14/06/2007 da
voto
6.5
  • Band: VISIONS OF ATLANTIS
  • Durata: 00:47:44
  • Disponibile dal: 28/05/2007
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Con i maestri Nightwish fermi ai box per le riparazioni, tocca alle cosiddette “seconde linee” cercare di compensare la momentanea mancanza di Tuomas e colleghi. Ci provano i Visions Of Atlantis, oggi al loro terzo album in studio e forti dell’entrata in formazione dell’avvenente e brava Melissa Ferlaak, reduce dagli studi di conservatorio e degna alternativa all’illustre collega Tarja Turunen. Precisiamo che “Trinity”, pur essendo un album gradevole, non è certo comparabile alle migliori uscite della succitata band finnica, ma permette comunque ai Visions Of Atlantis di ricavarsi un piccolo spazio nel mondo del metal sinfonico. Un album ben suonato e ben prodotto con il quale il sestetto austriaco non pretende certo di innovare o di stupire con idee fuori dall’ordinario. Lo standard qualitativo è costantemente più che sufficiente e colpisce la voce della cantante, alternata dalle ruvide vocals di Mario Plank. L’opener “At The Back Of Beyond” è un pezzo esemplificativo del sound della band, un mid tempo nel quale le tastiere di Martin Harb offrono un soffuso tappeto sinfonico al riffing deciso di Wolfgang Koch. La successiva “The Secret” è uno dei migliori episodi del lotto, nel quale risulta particolarmente riuscita l’alternanza tra voce maschile e femminile, ed ottimo è anche il sontuoso chorus. I brani si mantengono su tempi medi e non mancano anche passaggi più tranquilli come “The Poem”, un bel lento interamente cantato da Mario, o “”Return To You” una ballata nella quale  è invece Melissa la sola protagonista. Il limiti del lavoro sono però legati all’assenza di pezzi di gran rilievo ed i chorus non sono sempre incisivi come dovrebbero. La conclusiva “Seven Seas” cerca di mettere extremis una pezza a queste mancanze, rivelandosi come il pezzo più orecchiabile del disco, in virtù di un ritornello melodicissimo e di sicura presa in sede live. Veramente molto bella e molto dettagliata la copertina, opera di Anthony Clarrksson famoso per aver lavorato con Blind Guardian, Hypocrisy ed Exodus. In definitiva un buon disco da parte di una band che ha comunque ulteriori margini di miglioramento.

TRACKLIST

  1. At The End Of Beyond
  2. The Secret
  3. passing dead end
  4. the poem
  5. nothing left
  6. my darkest home
  7. Wing Shaped Heart
  8. return to you
  9. through my eyes
  10. flow this desert
  11. seven seals
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.