VOID OF SLEEP – New World Order

Pubblicato il 13/10/2015 da
voto
7.5
  • Band: VOID OF SLEEP
  • Durata: 00:44:31
  • Disponibile dal: 19/10/2015
  • Etichetta: Aural Music
  • Distributore: Audioglobe

Secondo album in poco meno di tre anni per i Void Of Sleep. Continua il viaggio del quartetto italiano alla ricerca della formula perfetta e magica per trascendere e codificare un genere che ultimamente viene abusato e torturato da miriadi di bands. Lo stoner rock dei Void Of Sleep è la base del messaggio sonico contenuto in queste sette tracce. Da qui parte una moltitudine di influenze e rivisitazioni interessanti e ricercate che rendono “New World Order” un piccolo gioiellino di musica contemporanea. Che pesca a piene mani anche dal passato. Il substrato progressive si fa sentire con soluzioni ritmiche non scontate che riecheggiavano già nel precedente “Tales Between Reality and Madness”. In quest’opera la vena sperimentale e psichedelica è più evidenziata anche perché i Void Of Sleep sono davvero bravi a far rendere un pezzo con pochi accorgimenti ed arrangiamenti mai pomposi ed invasivi ma attuali e molto personali. Le soluzioni ritmiche di “The Devil’s Conjuration” ricordano le eteree e massoniche strutture degli ultimi Tool mentre la ruffiana e metallica “Slaves Shall Serve” ha un riff iniziale di chitarra ‘mastodoniano’ che scortica la pelle tanto è potente e selvaggio. Non è facile scrivere un album che parta dalle origine dello stoner rock per poterlo trasformare in qualcosa di originale e convincente. I richiami ai Mastodon ci possono stare, soprattutto quelli di “The Hunter” o “Once More ‘Round The Sun” come le pendenze artistiche che hanno verso Orange Goblin e Monster Magnet alla luce soprattutto di quanto edificato in “New World Order”, ma ascoltando l’album ci si accorge, minuto dopo minuto, che la formula creata nel bilanciare passato, presente e futuro è pressoché perfetta. Si sente che i Void Of Sleep hanno personalità e versatilità nel prendere un genere e rivederlo secondo i propri gusti ed emozioni. Si sente che i Void Of Sleep hanno carattere e sono una spanna sopra a molti in Italia e che anche all’estero non sfigureranno. “Orbo Ab Chao” racchiude tutta l’epicità progressiva e psichedelica della band. Sembra che i Cathedral ed i Dozer stiano programmando e scrivendo qualcosa di super fuzzoso e stonato con l’aiuto di fantasmi che arrivano dal passato. Da un passato strappato dagli anni settanta quando Vanilla Fudge e Grand Funk Railroad infiammavano con mirabolanti riffs il panorama musicale mondiale. Le atmosfere del pezzo che dà il titolo all’album sono sognanti e quasi bucoliche e racchiudono malinconiche divagazioni indie rock per poi evolversi in uno splendido racconto musicale desertico, potente e suggestivo. Ecco, la musica dei Void Of Sleep guarda al futuro con elementi del passato rivalutandolo ed attualizzandolo senza scadere nel clichè più bieco e povero di contenuti. In “New World Order” i contenuti e gli attributi non mancano e rendono questo album un compendio di emozioni che attechiscono e rimangono nel cuore e nell’anima dell’ascoltatore.

TRACKLIST

  1. The Devil's Conjuration
  2. Hidden Revelations
  3. Slaves Shall Serve
  4. Ordo Ab Chao
  5. Lords of Conspiracy
  6. New World Order
  7. Ending Theme
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.