VØIDWOMB – Altars of Cosmic Devotion

Pubblicato il 19/02/2021 da
voto
6.5
  • Band: VØIDWOMB
  • Durata: 00:17:05
  • Disponibile dal: 19/02/2021
  • Etichetta:
  • Iron Bonehead Prod.

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Vøidwomb è il nome di una delle ultime scoperte di casa Iron Bonehead, etichetta la cui capacità di sondare i recessi più putridi e malevoli dell’underground può ormai essere considerata proverbiale e sinonimo di gruppi meritevoli (quasi) sempre di un ascolto. Un progetto giovane, quello di Viana do Castelo, messo in piedi nel 2019 e a quanto sembra per nulla influenzato dal clima solare e mite della città portoghese, intento nei solchi di questo EP a ripercorrere le orme di alcuni totem della scena death-black di inizio anni Novanta. Cinque brani – inclusa l’immancabile intro dal sapore occulto – all’interno dei quali il quintetto evita l’approccio ostentatamente ‘necro’ di alcuni colleghi, optando invece per un suono feroce e crudo quanto si vuole, ma anche piuttosto intelligibile per gli standard odierni del filone. L’afflato thrash del guitar work e l’incedere secco e incalzante della batteria, ad esempio, riportano subito alla mente i Deicide dell’esordio o i Morbid Angel di “Altars of Madness”, mentre quando le atmosfere si incupiscono ulteriormente è forte l’impressione che i ragazzi abbiano speso parecchie ore sulle pubblicazioni di Grotesque e Merciless, a dimostrazione comunque del loro attaccamento verso il concetto di riff come primo strumento di offesa rivolto verso l’ascoltatore. Di mistico e criptico, a conti fatti, “Altars of Cosmic Devotion” ha solo le velleità sumere dei testi; episodi come “Summon of Utu-Shamash”, “Descent to Ersetu” o la titletrack ci portano a scoprire la dimensione sonora di una band essenziale e concreta, di sicuro poco personale ma con un’idea precisa su come interpretare la materia estrema di tre decadi fa. Vedremo se affinando certe intuizioni (vedasi le melodie epiche della suddetta “Summon…”) i Vøidwomb sapranno diventare qualcosa di più rispetto ad una formazione di onesti mestieranti.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Summon of Utu-Shamash
  3. Descent to Ersetu
  4. Architects of World Demise
  5. Altars of Cosmic Devotion
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.