VOIVOD – Infini

Pubblicato il 22/07/2009 da
voto
6.0
  • Band: VOIVOD
  • Durata: 00:57:57
  • Disponibile dal: 15/06/2009
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Sfortunata ma ricca di riconoscimenti la carriera dei Voivod, band unica e sincera che ha scritto pagine importanti nel metal. La morte di Denis “Piggy” D’Amour, chitarrista e maggior compositore della band, ha creato un grande vuoto non solo nella band ma nell’intero panorama metal. Questo “Infini” nasce dalla voglia del chitarrista stesso di pubblicare alcune sue registrazioni non incluse nel precedente e controverso “Katorz” che ha visto la luce soli tre anni fa a seguito del tragico evento che ha segnato indelebilmente il futuro della band. Poco da ribadire sui Voivod se non la loro grandezza e unicità nel panorama metal: il thrash grezzo ed essenziale dei primi album, lo sperimentalismo che si è spinto fino allo splendido – ed incompreso dai più – “Angel Rat”, la follia e pesantezza dei due album con Eric Forrest e l’ultima e più immediata parentesi che ha coinciso con la pubblicazione di “Voivod” e “Katorz”. Come era facile prevedere questo “Infini” segue la linea degli ultimi rilasci della band canadese: suono minimalista ed immediato in cui si intravedono spiragli che rimandano alla memoria soluzioni ed idee che hanno reso famosi e geniali gli album della loro carriera. Purtroppo come negli ultimi episodi il livello qualitativo delle composizioni è alquanto altalenante mischiando buoni momenti ad altri filler che potevano essere tranquillamente tralasciati anche in relazione alla quantità e corposità del materiale presente: tredici tracce per un’ora di durata non sono uno scoglio semplice da superare anche per gli aficionados della band. Priva della grinta ed insana follia degli esordi la voce di Denis “Snake” Bélanger suona alquanto scialba e carente del vigore necessario a regalare vitalità anche alle tracce più immediate e grintose come la Motorheadiana “Volcano” o il duo “Treasure Chase” e “Krap Radio” che data la loro semplicità strizzano l’occhio ad un’attitudine decisamente punk. Non viene fortunatamente rilegato al passato un certo sperimentalismo che affiora in tracce come l’iniziale “God Phones”, “Global Warning”, “In Orbit” e “Morpheus” che svettano qualitativamente sopra alle altre composizioni tanto da evidenziare l’eccessivo divario qualitativo presente tra i brani che compongono l’album. Nulla da recriminare sulle prestazioni di Jason Newstead e Michel “Away” Langevin che senza strafare o brillare particolarmente riescono comunque a donare un minimo di varietà ritmica e fantasia alle composizioni. Sebbene il risultato finale sia quantomeno migliore rispetto al precedente “Katorz” purtroppo in questo caso non rimane altro da fare che accontentarsi: i Voivod a meno di ripensamenti dell’ultima ora hanno scelto di congedarsi con la pubblicazione di questo “Infini”. Si parla di accontentarsi dato che come avrete capito dai toni della recensione seppur non deludendo nella sua totalità “Infini” è lontano dai fasti, dal coraggio e voglia di sperimentare che hanno caratterizzato la geniale – ma spesso incompresa – carriera del combo canadese. “Infini” va preso per quello che è: una raccolta di brani inediti, dal forte sapore di incompletezza, conclusi e pubblicati solo per rendere tributo a Piggy. Consigliato solo ai fans più sfegatati dalla band, per gli altri un ripasso (o studio) della loro discografia è quantomeno d’obbligo.

TRACKLIST

  1. God Phones
  2. From the Cave
  3. Earthache
  4. Global Warming
  5. A Room With a View
  6. Destroy After Reading
  7. Treasure Chase
  8. Krap Radio
  9. In Orbit
  10. Deathproof
  11. Pyramidome
  12. Morpheus
  13. Volcano
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.