VOLTUMNA – Dodecapoli

Pubblicato il 18/11/2017 da
voto
6.0
  • Band: VOLTUMNA
  • Durata: 00:40:54
  • Disponibile dal: 20/10/2017
  • Etichetta: Sleaszy Rider Records
  • Distributore:

Si può dire tutto dei Voltumna, ma non che manchino loro perseveranza e spirito di iniziativa. “Dodecapoli” è il terzo album della formazione laziale; un lavoro che, ancora una volta, presenta un suono modellato con ordine sui dettami del black/death nordeuropeo e mediterraneo, senza stravolgere troppo le coordinate dei precedenti “Damnatio Sacrorum” (2013) e “Disciplina Etrusca” (2015). I Nostri continuano a darsi un gran da fare per emergere dall’underground, e a questo proposito si pensi al numero di date live accumulate o alla cura riposta nel concept che fa da sfondo alla musica, ma giunti a quello che sulla carta dovrebbe rappresentare il passaggio verso la maturità non riescono a compiere il tanto agognato salto. Detto che un mixaggio migliore avrebbe sicuramente giovato all’impatto complessivo, non permettendo allo screaming di sovrastare la strumentazione, i dodici capitoli della tracklist non sono certo raffazzonati. Semplicemente, non brillano per freschezza e personalità, al punto che risulta difficile attribuirli al monicker Voltumna piuttosto che a qualche altra band figlia delle imprese blasfeme di Behemoth, Dark Funeral o Rotting Christ (e sono tante, troppe). Ogni elemento appare al proprio posto – dalle scariche di blast beat del neo acquisto Augur Veii alle parentesi velenose sciorinate dalla sei corde – ma a conti fatti cosa resta di tutto ciò al termine dell’ascolto? Dove sono le ‘hit’ e i riff memorabili? Nessuno ha mai preteso dal quartetto un nuovo “Zos Kia Cultus”, ma in un panorama ormai prossimo alla saturazione si può e si deve fare qualcosa in più per non confondersi nella massa di mestieranti. Un lieve passo falso che ci auguriamo funga da stimolo ai Voltumna per aguzzare il dinamismo e l’ingegno del loro songwriting.

TRACKLIST

  1. The Lion, the Goat, the Serpent – Arezzo
  2. Itinere Inferi – Cerveteri
  3. Reading the Flames – Vulci
  4. In Principium Tarquinii – Tarquinia
  5. Criterion of the Groma – Roselle
  6. Fanum Voltumnae
  7. Lars Porsenna – Chiusi
  8. Perdidit Veii – Veio
  9. Cyclopean Walls – Vetulonia
  10. War of Supremacy – Perugia
  11. Vessels of Rasna – Populonia
  12. The Path to Our Twilight – Volterra
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.