VVAA – Heavy Load – Tales Of The Northern Swords

Pubblicato il 19/10/2014 da
voto
7.5
  • Band: TWILIGHT ZONE
  • Durata: 01:35:48
  • Disponibile dal: 27/06/2014
  • Etichetta: Underground Symphony
  • Distributore: Audioglobe

Gli Heavy Load non saranno tra le band heavy più conosciute degli Anni ’80, ma di sicuro si sono resi negli anni d’oro del metal classico autori di due lavori di spessore e riguardo come “Stronger Than Evil” e l’ancora più seminale “Death And Glory”. Una carriera, la loro, finita forse troppo presto e che di sicuro non ha raccolto a livello di fama e successo quanto seminato, ma che ha portato la band stessa a diventare un punto di riferimento per molte band del panorama heavy/epic attuale. E quale posto, ci chiediamo allora, può essere migliore dell’Italia per trovare un fervente nucleo di seguaci del combo svedese?  Nessuno probabilmente, e la nostrana Underground Symphony, che di certe sonorità di sicuro se ne intende, sembra averlo capito, visto che ha proposto a ben ventidue band della propria scuderia (quasi tutte tricolori) di collaborare alla creazione di un ricchissimo tributo alla memoria proprio degli Heavy Load. Un po’ come quando vichinghi e barbari scendono in guerra dalle terre del Nord, anche stavolta nulla ha resistito al saccheggio comandato dall’etichetta tricolore; e così altrettanti brani sono stati scelti dalla discografia degli Svedesi, senza risparmiare nemmeno EP poco conosciuti e ancora più oscuri singoli. Andando in ordine prettamente cronologico, che non rispetta quello scelto nella tracklist dei due cd componenti il prodotto, troviamo gli Alessandrini Barbarians alle prese con “Moonlight Spell”, l’unico estratto del debutto “Full Speed At High Level”. La vigorosa prestazione dei viking metallers piemontesi dà una ottima testiomanianza di quel primo, acerbo, album, prima che il magnifico EP “Metal Conquest” ci venga presentato in ogni sua canzone da Crazy Rain, Neversin, Madwork e dai più noti Isengard e Shadows Of Steel. Soprattutto i cinque svedesi, conterranei quindi degli Heavy Load, compiono davvero un ottimo lavoro, ripronendoci in maniera stupenda la seminale “You’ve Got The Power” col suo ruvido riff iniziale. I napoletani Black Inside omaggiano invece da soli il singolo “Take Me Away” dell’1982 con una metallica versione della rockettara “Trespasser”. Divertimento assicurato! Come ci si poteva immaginare “Death Or Glory”, da molti (e dal sottoscritto) considerato come il lavoro migliore della band, è anch’esso rappresentato nella sua quasi totalità… e grandi nomi del metal locale come Arthemis e il mascherato Wild Steel (proprio lui!) si contendono il lusso di presentarci pezzi del calibro di “Might For Right” e “Traveller”, dividendosi il campo con gli ottimi emergenti Twilight Zone e Fogalord. “Run With The Devil”, estratta dal singolo “Free” è appannaggio di una ‘alla stars band’ di artisti dell’etichetta, e fa la sua bella figura in conclusione alla compilation, mentre trai sei rappresentanti del bello “Stronger Than Evil” si distinguono i nuovi Ghost City, con una bellissima riproposizione della veloce “Singing Swords” ed i Great Master, che con “The King” omaggiano uno dei brani preferiti di chi scrive. A conti fatti, non troviamo nessuno scivolone e notiamo con piacere che nessuna band ha rinunciato alla propria personalità per scimmiottare gli Heavy Load: anche le band stilisticamente più lontane come Anvil Therapy (progressive) e i gothic metallers Eternal Silence riescono infatti a riproporci il metal retrò della band svedese mantenendo intatte le proprie caratteristiche. Oltre che a complimentarci però con le band presenti, siamo anche ben felici di fare i nostri complimenti alla Underground Symphony: l’idea di rievocare un capitolo così bello del metal Anni ’80 è sicuramente degno di lode, ed il prodotto finale è ricco e sontuoso come ci si aspetterebbe sempre da un tributo. “Tales Of The Northern Swords” è un sicuro colpo andato a segno!

TRACKLIST

  1. Dark Nights (Shadows Of Steel )
  2. Free (Dark Horizon)
  3. Might For Right (Arthemis)
  4. Heatens From The North (Madwork)
  5. Stronger Than Evil (Eternal Silence)
  6. Dreaming (The Moor)
  7. Moonlight Spell (Barbarians)
  8. The Guitar Is My Sword (Fogalord)
  9. Roar Of The North (Metal Detector)
  10. Singing Swords (Ghost City)
  11. Little Lies (Twilight Zone)
  12. The King (Great Master)
  13. Still There Is Time (Tragodia)
  14. You’ve Got The Power (Isengard)
  15. Hey (Neversin)
  16. Traveller (Wild Steel)
  17. Daybreak Ecstasy (Echotime)
  18. I’m Alive (Runa)
  19. Heavy Metal Heaven (Crazy Rain)
  20. Heavy Metal Angels -In Metal and Leather- (Anvil Therapy)
  21. Trespasser (Black Inside)
  22. Run With The Devil (Underground Symphony All Stars)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.