VVITCH – A Quietus Selection

Pubblicato il 02/06/2020 da
voto
7.0
  • Band: VVITCH
  • Durata: 00:22:22
  • Disponibile dal: 07/05/2020
  • Etichetta:
  • Distributore:

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Rintronante, cupissimo drone-doom strumentale è ciò che ci offre il giovane progetto a nome Vvitch. Musica intensamente funerea, cimiteriale, avvolta nel mistero e crepitante in un buio impenetrabile. Poche note e arrangiamenti minimi contraddistinguono le due tracce di “A Quietus Selection”, che si snodano a ritmi strascicati, uniformi, rimbombandoci addosso con la potenza severa delle basse frequenze e un tintinnare di piatti evocatore, di per sé, di vera tregenda. Una mantrica, bestiale ossessività è il filo conduttore di un disco che si abbevera tanto allo sludge-doom più grosso e rumoroso, quello di Yob, Conan e Ufomammut per intenderci, quanto alle correnti funeral doom avare di romanticismo, allungando e appiattendo le dinamiche attraverso il grigiore indistinto del drone. Echi di Sunn O))) e Earth infestano i concetti espressi da Vvitch, promulgati in due lunghe litanie che prevedono variazioni minime e hanno nel reiterarsi perpetuo, nell’accumulo di riverberi, la principale arma di suggestione.
Isolate digressioni chitarristiche spezzano l’incedere delle elefantiache marce strumentali, buone per cambiare di poco il passo e ripartire con ancor più tetragono vigore. Infiltrazioni ambient e, in particolare nella seconda “The Quiet Calling”, brevi inserti di synth raggelano ulteriormente l’atmosfera, donandole una patina orrorifica che si adagia perfettamente a costrutti sonori così torbidi. Alcuni movimenti parrebbero quelli degli Electric Wizard più mefitici, se abbandonassero completamente qualsiasi tentazione all’intrattenimento e preferissero aderire al Male con assoluta convinzione. La registrazione lo-fi a sua volta non lascia scampo, permettendo di entrare nelle ‘grazie’ di entità innominabili celate nell’ombra, senza che lungo il percorso di “A Quietus Selection” siano consentite vie di fuga. Una linea vocale di medesimo stampo avrebbe potuto arricchire una proposta in fondo abbastanza scarna, ma data l’efficacia del risultato finale, non ci sentiamo di rimarcare l’assenza della voce come un difetto così importante. Musica per anime dannate, ben contente di esserlo.

TRACKLIST

  1. Obsessive Thoughts
  2. The Quiet Calling
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.