WAKE – Confluence

Pubblicato il 22/11/2020 da
voto
7.5
  • Band: WAKE
  • Durata: 00:23:12
  • Disponibile dal: 20/10/2020
  • Etichetta:
  • Translation Loss

Spotify:

Apple Music:

Alla seconda pubblicazione del 2020 – abbiamo ancora nelle orecchie il fortunato “Devouring Ruin”, album uscito in primavera – i Wake continuano a smentire ogni facile previsione. Il gruppo canadese torna infatti con un EP di tre brani che si rivela tutto fuorché una raccolta di scarti dell’opera precedente, spiazzando anzi ascoltatori e fan con oltre venti minuti di nuova musica che sorprende fin dal primo ascolto. A soli sei mesi dal rilascio del suddetto disco, ci si sarebbe aspettati dal quintetto qualcosa di meno elaborato, e invece i Wake, pur rimanendo fedeli a certe tendenze esplorate di recente, provano qui a percorrere nuove vie, architettando quello che è ormai a tutti gli effetti un black-death metal dilatato e dall’indole quasi progressiva. Nati nella scena grindcore, i canadesi sono quindi a centinaia di chilometri dalla loro vecchia casa, sempre più intenti ad arricchire e a reinventare la propria proposta in una chiave diversa. Dopo essersi aperta al mondo black metal con gli ultimi lavori, la band qui non palesa alcun indugio, abbracciando atmosfere malinconiche e fondendole con tessiture più rumoristiche e i suoi ormai consueti sfoghi nevrotici, riuscendo a creare una convivenza tanto insolita quanto fruttuosa. Il risultato di questo incontro è un lavoro che oscilla tra antico e moderno senza concedersi ai cliché, in cui le radici storiche di certo black metal – il motivo che parte al terzo minuto della lunga “Disparity and Chaos” potrebbe uscire dal repertorio dei Dissection – rivivono e dialogano con soluzioni più aspre e contemporanee. La dinamica sezione ritmica crea il sottofondo ideale per le inedite melodie dei chitarristi, creando dei tappeti sonori che di tanto in tanto esplodono con acida potenza, portando in primo piano un suono distorto di grande effetto, non esente da dissonanze e asperità. A tratti vengono in mente i Sinmara, in altri quella formula post death-black sperimentata dai sottovalutati Beyond Terror Beyond Grace sul loro “Nadir” (chi se lo ricorda?), ma “Confluence” può appunto vantare la sua personalità: il lavoro miscela sapientemente gli elementi in un amalgama di suoni che in teoria non avrebbe molta speranza di funzionare, ma che in pratica esprime una convergenza verso un’espressione assolutamente spontanea e accattivante. Per tutto l’arco della sua durata, “Confluence” sa avvolgere intimamente l’ascoltatore nelle sue atmosfere e ci ripresenta una band dalle potenzialità sempre più vaste. Impossibile ormai ignorarla.

TRACKLIST

  1. Disparity and Chaos
  2. Beyond Empyrean
  3. Entropic Cascade Failure
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.