WALLS OF JERICHO – All Hail the Dead

Pubblicato il 01/05/2005 da
voto
7.0
  • Band: WALLS OF JERICHO
  • Durata: 00:35:07
  • Disponibile dal: 24/02/2004
  • Etichetta:
  • Trustkill Records
  • Distributore: Universal

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

Non si parla di Wrestling WWE né del power speed metal degliHelloween:”All Hail The Dead”, sophomore release dei metalcorer Wallsof Jericho, è un album serio, uno dei più accostabili del catalogoTrustkill all’attitudine hardcore cruda e pura. Rispetto, forza,credibilità, attitudine sono caratteristiche che emergono sin dal primoascolto, portando alla memoria ale orecchie più affezionate a talisonorità molte reminescenze dell’hardcore metallizzato anni ’90, daiMadball (forse una delle band più sottovalutate al globo) agli Slayerdi Undisputed Attitude. Il primo impatto è spiazzante per la presenzadi Candace, energica e validissima front-woman, tanto gradevole nel suoaspetto da “Suicide Girl” (ma nemmeno troppo, non aspettatevi unaconiglietta) quanto minacciosa e perentoria con in mano un microfono,100% hardcore attitude, straight edge e tattoo in evidenza suilineamenti muscolosi. Il primo impatto giova in maniera molto positivaa favore del gruppo soprattutto per la inconsueta scelta del singer, masorpassato l’impatto iniziale ci si accorge che c’è ben poco difemminile nella proposta musicale: il gruppo giustamente non puntaesclusivamente sulla frontwoman ma si dedica alla musica totalmente:uomo o donna, c’è poca differenza in sostanza, l’obiettivo ètrasmettere il messaggio di onestà e positività ai kid. Moltiriferimenti old school dicevamo, tutti i cliché dell’hardcore, comunquenecessari per l’appartenenza al genere (per i rispettivi estimatori unbuon album hardcore è come riguardare “Star Wars” più e più volte, èbello anche nella sua ripetitività) con l’aggiunta di una produzioneeccellente: in risalto rispetto al debut è soprattutto l’ottimo lavorodel drummer Alexei Rodriguez per potenza e precisione. Partendo daterritori già esplorati (“All Hail The Dead”,”There’s No I In FuckYou”)il livello qualitativo sale nel cuore dell’album, le tracce tra laquarta e l’ottava infatti esprimono al meglio tutto ciò che fa emergerei Walls of Jericho dall’anonimato, “Another Anthem For TheHopeless” e”Revival Never Goes Out Of Style” su tutte, con quei cori e quellesporadiche clean vocals che si uniscono alla struttura classica evincente. Qualche riempitivo qua e là allontana il lavorodall’eccellenza, ma è interessante sapere che una ragazza possaspazzare via l’80% delle band hardcore del pianeta.

TRACKLIST

  1. All Hail The Dead
  2. There's No I In Fuck You
  3. A Little Piece Of Me
  4. Another Anthem For The Hopeless
  5. Revival Never Goes Out Of Style
  6. Day And A Thousand Years
  7. Through The Eyes Of A Dreamer
  8. 1:43 AM
  9. Jaded
  10. Thanks For The Memories
  11. More Life In The Monitors
  12. Fixing Broken Hearts
  13. To Be Continued...
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.