WATAIN – Trident Wolf Eclipse

Pubblicato il 02/01/2018 da
voto
7.5
  • Band: WATAIN
  • Durata: 00:34:46
  • Disponibile dal: 05/01/2018
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Sony

Se “The Wild Hunt” aveva fatto gridare allo scandalo diversi fan di lunga data dei Watain, complice un sound arioso e melodico che si addentrava in territori fino a quel momento inesplorati (basti pensare alla splendida ballad “They Rode On”), questo “Trident Wolf Eclipse” fungerà probabilmente da calumet della pace per la riconciliazione con i supporter più tradizionalisti e poco inclini agli ammorbidimenti. Un disco per certi versi spiazzante, che si muove nella direzione opposta al suo fortunato predecessore senza per questo rinnegare la proverbiale ricerca sonora della band di Uppsala, la quale continua a trattare la materia black metal con lo spirito libero di chi si è ormai lasciato alle spalle vincoli e limitazioni stilistiche. Otto brani per trentacinque minuti scarsi di musica (una sorta di record per i Nostri) in cui a prevalere è un estremismo disadorno, smagliato, dalla fortissima vena thrashaggiante e che mira sempre alla gola dell’ascoltatore, nell’ottica di un’aggressione palpitante e sanguigna. Non vi è spazio per voci pulite, né tanto meno per lunghe e profonde sezioni strumentali: nel 2018, Erik Danielsson e soci giocano di sottrazione per imbastire una tracklist diretta e sguaiata, che a conti fatti guarda più ai Destruction o a certe realtà sudamericane di fine anni ’80 che ai Dissection di “Storm of the Light’s Bane”, tra assoli fischianti, un riffing dal sapore pungente e ritmiche che sfociano spesso nella pura blasfemia. Nascono così episodi del calibro di “Nuclear Alchemy”, “Furor Diabolicus” e “Ultra (Pandemoniac)”, esplicativi già a partire dai titoli e sicura fonte di sollievo per coloro che nel 2013 videro “The Wild Hunt” come un affronto, al cui fianco trovano poi spazio una serie di colpi di scena ugualmente luciferini e coerenti all’ideologia dell’opera. Parliamo del guitar work simil-orchestrale di “Teufelsreich”, del respiro controllato di “A Throne Below” o delle melodie brucianti di “Towards the Sanctuary” (forse l’episodio principe dell’album), ennesima riprova dell’elasticità in sede di songwriting del gruppo svedese che, anche in questa veste teppista, non manca mai di distinguersi per ingegno e passionalità. Il nuovo anno si apre ufficialmente fra le tenebre.

TRACKLIST

  1. Nuclear Alchemy
  2. Sacred Damnation
  3. Teufelsreich
  4. Furor Diabolicus
  5. A Throne Below
  6. Ultra (Pandemoniac)
  7. Towards the Sanctuary
  8. The Fire of Power
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.