WE ARE THE DAMNED – Holy Beast

Pubblicato il 18/04/2011 da
voto
6.0
  • Band: WE ARE THE DAMNED
  • Durata: 00:50:34
  • Disponibile dal: /03/2011
  • Etichetta:
  • Bastardized Recordings
Streaming non ancora disponibile
Arrivano i We Are The Damned: una ventata di non-novità. Una semplicità crust-hardcore abbinata a qualche spunto death’n’roll che chiama in causa i soliti Cursed, Trap Them, From Ashes Rise. Tutto nella norma, niente che esca dal seminato. Un sound che esce dritto da un garage per animare una serata in un centro sociale o – perchè no? – qualche sommossa o tafferuglio di strada. Il gruppo portoghese si inserisce in un filone che ultimamente sta venendo riscoperto e che sta riuscendo a conquistarsi spazi piuttosto importanti, ma non si fa segnalare come una realtà fra le più ispirate o decadenti. Il compitino è tutto sommato ben svolto e il disco resta comunque abbastanza piacevole da ascoltare da capo a coda. Tuttavia, manca la scintilla, manca quella botta di incisività che porterebbe "Holy Beast" a farsi realmente apprezzare. La si rintraccia nella notevole produzione – curata dallo svedese Ulf Blomberg, già al lavoro con Exhale e Inevitable End – ma non nel songwriting, che non riesce quasi mai a staccarsi da un livello discreto, se non mediocre. Inoltre, non convince granchè lo screaming adoperato in certi pezzi: troppo stridulo e alla lunga fastidioso. Come detto, il risultato complessivo non è comunque male, ma resta l’impressione che i We Are The Damned siano più un gruppo da live che da CD.

TRACKLIST

  1. The Anti-Doctrine
  2. Serpent
  3. Throne Of Lies
  4. Devorador Dos Mortos
  5. Christian Orgy
  6. Diogo Alves 1841
  7. Atrocity Idol
  8. Summon The Black Earth
  9. Viral Oration
  10. The Glorious Grisly
  11. Vengeance Havoc
  12. Raping The Law Of The Land
  13. Lucifer VIP (Chapter II)
  14. Neo Pigs (Digipak Bonus Track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.