WEDNESDAY 13 – Monsters Of The Universe: Come Out And Plague

Pubblicato il 04/02/2015 da
voto
6.0
  • Band: WEDNESDAY 13
  • Durata: 00:58:00
  • Disponibile dal: 19/01/2015
  • Etichetta: Devco Entertainment
  • Distributore:

Tempi duri per i fan completisti di Wednesday 13, costretti a mettere mano al portafoglio più di una volta all’anno per accaparrarsi l’ultima uscita di una discografia arrivata – tra full-length, EP, live, album acustici e amenità assortite – al ragguardevole traguardo di tredici dischi in un decennio, senza contare memorabilia e progetti paralleli vari. Se a ciò aggiungiamo una vena creativa sempre meno florida, come testimoniato dall’insipido “The Dixie Dead”, ecco spiegato un certo scettiscismo nell’approcciarsi a questo nuovo “Monsters Of The Universe: Come Out And Plague”, solo parzialmente compensato dalla promettente copertina, nonché dalla notizia di trovarci di fronte al primo concept album del buon Mercoledì 13. Dopo innumerevoli ascolti, intervallati da un ripasso della discografia pregressa, il verdetto della giuria resta interlocutorio, in bilico tra un’assoluzione piena e una condanna definitiva. Sicuramente si percepisce, a partire dalla corposa tracklist, la volontà di riscattare il mezzo passo falso del già citato predecessore, e la compartecipazione del chitarrista Roman Surman in sede di songrwiting porta buoni frutti (“Keep Watching The Skies”, “Come Out and Plague”, “Serpent Society”, “Over Your Dead Body”); d’altro canto, anche in quest’occasione manca quasi del tutto quella spensieratezza rock ‘n roll che tanto ci aveva ben impressionato nei primi due album, col risultato di rendere meno digeribile un lavoro farcito di mid-tempo più o meno cadenzati, ed a volte tirati anche troppo per le lunghe (“Into The Crop Circle”, “Monsters Of The Universe”). Tra horror ballad a là Sister Of Mercy (“I Love Watching You Die”) e inedite schitarrate da vero thrasher (“Planet Eater: Interstellar 187”, non a caso firmata dal già citato chitarrista Roman Surman), il sesto full-length del Nostro convince a metà, come se il pur apprezzabile tentativo di maggiore serietà di Mr. Pool cozzasse con l’immaginario demenziale che fin dagli inizi ha sempre contraddistinto il buon Wednesday 13. Se avete apprezzato fino in fondo “Skeletons” e “The Dixie Dead”, o se fate parte della schiera dei collezionisti di cui sopra, allora andate pure sul sicuro anche con “Monsters Of The Universe: Come Out And Plague”; per tutti gli altri, è consigliato un ascolto preventivo.

TRACKLIST

  1. The Fall Of All
  2. Keep Watching The Skies
  3. Astro Pyscho-Galactic Blood Drive
  4. Come Out And Plague
  5. I Aint Got Time To Bleed
  6. Bloodline 666
  7. Serpent Society
  8. Bombs, Guns And Gods – This Is A War
  9. Planet Eater – Interstellar 187
  10. I Love Watching You Die
  11. Into The Crop Circle
  12. Over Your Dead Body
  13. The Arrival
  14. Monsters Of The Universe
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.