WHEEL – Preserved In Time

Pubblicato il 20/04/2021 da
voto
8.0
  • Band: WHEEL
  • Durata: 00:48:08
  • Disponibile dal: 09/04/2021
  • Etichetta:
  • Cruz Del Sur Music
  • Distributore: Audioglobe

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

Certe band rispecchiano il loro stile in tutto ciò che fanno. Così i tedeschi Wheel sono doom anche nelle loro uscite, lasciando passare ben otto anni dal loro ottimo “Icarus” a questo “Wheel”. Ma non possiamo dire che l’attesa sia stata vana, anzi. I sentieri che percorriamo, ascoltando le otto tracce del disco, sono quelli del doom più puro e classico, e ci portano dai tratti pianeggianti del classico suono 70s alla Reverend Bizarre (“When The Shadow Takes You Over”) ai passaggi più ripidi e scoscesi delle venature epic di Candlemass e Solitude Aeturnus (“At Night They Came Upon Us” o “After All”). Il sound dei quattro di Dortmund è granitico, sorretto dalle chitarre di Benjamin Homberger che, oltre ad inanellare una sequenza di riff strepitosi, hanno un suono perfetto: compatto, cupo ed in continuo bilico tra lunghi accordi e melodie che si stampano, lugubri e maestose, nella mente fin dal primissimo ascolto. La sezione ritmica di Marcus e Cazy (rispettivamente basso e batteria) sorregge il tutto in maniera egregia. Ma è la voce di Arkadius Kurek la vera svolta di questo lavoro. Ascoltate “She Left In Silence” e vi troverete trasportati dal suo cantilenare cristallino, capace di trasportarci in mondi lontani con una prova, anche tecnicamente, impressionante: dalle medie tonalità iniziali, alle note più alte che vengono toccate nella seconda parte. E’ facile, verrebbe da dire, con quattro musicisti così ben amalgamati creare un gran disco: ma padroneggiare bene il proprio strumento, saper arrangiare e produrre sono tutti aspetti che compongono solo la metà del lavoro. Alla base c’è la creazione di canzoni che, una dopo l’altra, scavano solchi cupi e malinconici nel nostro cuore. I Wheel sfoderano una capacità compositiva enorme, varia ed elegante (come l’inizio in crescendo di “Aeon Of Darkness”). Ripetendo un vecchio adagio musicale, quest’album è la classica definizione di “all killers, no fillers”: niente è fuori posto. Non solo: ci sembra di ascoltare un piccolo compendio del doom classico: la solo “Hero Of The Weak” ha talmente tante idee che band meno dotate ci avrebbero costruito un intero disco. Difficile aggiungere altro: se vogliamo trovare un difetto possiamo dire che i Wheel non sono certo degli innovatori. Ma chi ha detto che è necessario esserlo per fare ottima musica? “Preserved In Time” è semplicemente un disco Doom di quelli con l’iniziale maiuscola. Se amate il genere, perdonateci la leziosità, questo è un disco che rovinerà la puntina del vostro giradischi da quanto lo vorrete riascoltare.

TRACKLIST

  1. At Night They Came Upon Us
  2. When The Shadow Takes You Over
  3. After All
  4. She Left In Silence
  5. Aeon Of Darkness
  6. Hero Of The Weak
  7. Daedalus
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.