WHILE SUN ENDS – Terminus

Pubblicato il 07/09/2016 da
voto
7.0
  • Band: WHILE SUN ENDS
  • Durata: 00:45:31
  • Disponibile dal: 26/08/2016
  • Etichetta:
  • Wooaaargh

Spotify:

Apple Music:

Interessante questo secondo album dei bergamaschi While Sun Ends, uscito in piena estate sotto l’egida della Wooaaargh, etichetta tedesca che generalmente si occupa di musica più estrema (grindcore, hardcore, death metal) ma che evidentemente ha visto in questa realtà italiana del buon potenziale. Possiamo definire la musica dei While Sun Ends come una sorta di progressive death metal, laddove però è giusto precisare che il death metal presente – oltre ad essere giusto un’interferenza che di tanto in tanto compare per poi scomparire – è sporco di post metal, pertanto aspettatevi ritmiche rallentate ed allungate, piuttosto che blast beat e uptempo. Si potrebbe dire che la musica dei cinque lombardi è l’incontro di tante influenze, anche parecchio disparate tra di loro ma che, alla resa dei conti, sono messe in fila in maniera coerente, ordinata ed efficace, consegnandoci un album di tutto rispetto e decisamente piacevole all’ascolto. Tra i vari richiami che si percepiscono, diciamo che le principali fonti di ispirazioni del gruppo, pensiamo siano gruppi come Opeth, Katatonia, Cult Of Luna e Isis fino anche ad arrivare a certi echi alternative alla Klimt 1918 o Tool. Ciò che riesce particolarmente bene ai While Sun Ends, e non è un elemento di poco conto, se si considera il genere proposto, sono questi crescendo che partono da atmosfere crepuscolari e mistiche e che lentamente vanno a deflagrare in vere e proprie esplosioni di energia sonora. Bene anche l’alternanza delle due voci, una in growl maschile ad opera del bassista Carlo Leone e una pulita femminile ad opera di Stefania Torino. Se dovessimo scovare un difetto diremmo che i brani, essendo lunghi e articolati, non sempre riescono a mantenere alta l’attenzione, in certi frangenti i Nostri perdono leggermente di intensità. Chi scrive in particolare ha trovato un po’ forzati e forse avulsi dal contesto gli inserti di flauto (pochi per la verità), ma questo potrebbe essere anche un elemento soggettivo. Con un filo di precisione tecnica in più nell’intonazione vocale magari e nelle dissonanze strumentali, che più che tali alle volte sembrano delle vere e proprie stonature, si poteva tranquillamente aggiungere mezzo punto in più al voto finale. Tuttavia, ciò che è evidente è che stiamo parlando di album nel complesso più che positivo e, soprattutto, di una realtà molto interessante che, se sarà in grado di smussare qualche angolo, potrà ancora far parlare positivamente di se. L’invito, per gli amanti del genere, è quello di appuntarsi il nome While Sun Ends e di scoprirne l’essenza fascinosa.

TRACKLIST

  1. Tritogenia
  2. Cycles
  3. Measure
  4. Sides
  5. Seesaw
  6. View
  7. Elevation
  8. Synthesis
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.