WILD HUNT – Afterdream Of The Reveller

Pubblicato il 26/04/2018 da
voto
7.0
  • Band: WILD HUNT
  • Durata: 00:52:06
  • Disponibile dal: 20/04/2018
  • Etichetta: Vendetta Records
  • Distributore:

Come lo scorcio di rovine che fa bella mostra di sé sulla copertina dell’album, i Wild Hunt sono una di quelle band che sanno spolverare efficacemente l’evidente gusto e i decisi riferimenti musicali con una sorta di ruggine annichilente: che non sarà propriamente la patina del tempo di cui parlavano gli entusiasti precursori del restauro a inizio Ottocento, ma che riesce a donare all’ascoltatore la giusta dose di marciume su una base solida; il che è già un risultato in sé, in un periodo in cui molte band votate a derive “blackened” in genere sembrano dimenticare la necessità di una base ritmica o melodica. Il combo parte all’assalto con l’opener “At One The Vision And The Seer”, una traccia inizialmente soffusa, prima di colpirci presto alla gola con un mix di blackened death e sguaiatezza varia, che affonda le sue radici in modelli talmente disparati da far meritare il pieno riconoscimento di un sound decisamente personale. Ecco, se dovessimo trovare un humus musicale incontestabile, potremmo ricercarlo in Oakland, loro città di provenienza: il disagio marcescente ed eppure vitalissimo che informa la città meno californiana della California trasuda infatti come un ascesso da ogni nota di questo “Afterdream Of The Reveller”. Anche dove infatti si mette sul piatto una certa epicità, tra chitarre più aperte e innesti alle soglie del sinfonico (come in “Odious Gamble” o nella title-track), oppure derivata da un evidente gusto avantgarde (“The Last Saeculum”, “Choir Of A Greater Sea”) è sempre mediata da un senso di soffocamento, di sabbie mobili pronte a trascinarci sotto terra. E da questo punto di vista è quasi perfetta “Nest Of Flames”: un brano minimale, caratterizzato da una linea vocale gorgogliante, che sfiora lidi funeral doom con personalità, e conferma il buon equilibrio tra eterogeneità e sintesi creativa della band.

TRACKLIST

  1. At Once The Vision And The Seer
  2. Odious Gamble
  3. The Last Saeculum
  4. Choir Of A Greater Sea
  5. Desiderium
  6. Afterdream Of The Reveller
  7. Nest Of Flames
  8. Palingenesia
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.