WINDS OF PLAGUE – Decimate The Weak

Pubblicato il 23/01/2008 da
voto
5.0
  • Band: WINDS OF PLAGUE
  • Durata: 00:36:55
  • Disponibile dal: 28/01/2008
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Non vorremmo essere troppo cattivi, ma più ascoltiamo questo “Decimate The Weak”, più abbiamo la sensazione che i Winds Of Plague altro non siano che un normalissimo gruppo metal-core americano che ha scoperto pochi giorni fa “Enthrone Darkness Triumphant” dei Dimmu Borgir e tutta la restante scena death-black scandinava. I nostri provano a spacciarsi per una band di “Symphonic Deathcore/Blackened Death Metal”, ma in realtà, per buona parte della durata di questo loro primo full-length per Century Media, non fanno altro che offrirci mediocri riff e breakdown prettamente metal-core, conditi ogni tanto da qualche tastierazza e/o melodia pseudo-scandinava, le quali però riescono a cammuffare solo superficialmente la vera sostanza della proposta del sestetto californiano. Ad eccezione dell’opener “Anthems Of Apocalypse” – abbastanza riuscita – risulta puerile il tentativo di mescolare i due generi… vuoi perchè la band non ha proprio la classe di un act come i Bleeding Through, vuoi perchè i Winds Of Plague sembrano a tutti gli effetti dei pivellini in materia. Alquanto esilaranti, ad esempio, i momenti in cui il frontman sfodera slogan e varie cafonate “da ghetto americano” su una musica che vorrebbe essere anche alfiera di pathos e atmosfera. Ma voi riuscite a immaginarvi Shagrath che su una “In Death’s Embrace” esclama “Yo! Motherfucker!”? Per carità… ci spiace per i Winds Of Plague, ma, almeno per il momento, sono ancora troppo ingenui per poter davvero fare concorrenza ai grandi nomi della scena. Servono molta più esperienza e coesione…

TRACKLIST

  1. A Cold Day In Hell
  2. Anthems Of Apocalypse
  3. The Impaler
  4. Decimate The Weak
  5. Origins And Endings
  6. Angels of Debauchery
  7. Reloaded
  8. Unbreakable
  9. One Body Too Many
  10. Legions
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.