WINDS – Prominence And Demise

Pubblicato il 08/11/2007 da
voto
6.5
  • Band: WINDS
  • Durata: 00:55:23
  • Disponibile dal: 04/09/2007
  • Etichetta:
  • The End Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

Sfuggente a qualsiasi catalogazione, la proposta dei Winds è sempre rientrata nella minestra progressiva, presentando una mistura di stili ben amalgamata che non digerisce la tradizionale formula strofa-bridge-ritornello, prediligendo un andamento personalizzato che mantiene alla perfezione l’intimismo delle atmosfere. Il quarto sigillo del gruppo norvegese, mantiene sostanzialmente equilibrati i propri ingredienti con una base chitarristica heavy in stile thrashy o classic nella ritmica e neoclassica nei frequenti assoli dal virtuosismo facile di Carl Tidemann (ex Arcturus). Intrigante l’utilizzo del piano da parte di Andy Winter (Age Of Silence), in grado di aggiungere una spiccata componente classica al pari di archi vari prestati  per l’occasione dalla filarmonica di Oslo. Strepitosa l’opera della sezione ritmica con Oystein Moe (Ulver), in veste di guest, al basso e un Hellhammer finalmente riconoscibile dietro le pelli dopo la parentesi piatta nei Dimmu Borgir. Discorso a parte meritano le voci, sempre alla ricerca di trame melodiche intricate e poco appariscenti, che rendono ostica ma allo stesso tempo suggestiva, la canzone di turno. La maggior parte del lavoro canoro è svolta da Eikind (Age Of Silence), con vocals pulite supportato da guest di spessore come Lars Nedland (Solefald), Dan Swano (Edge Of sanity) e dalla preziosa ugola di Agnete Kirkevaag dei Madder Mortem. Il discorso fatto poc’anzi riguardo alle vocals unito ad una continua varietà di ritmiche e atmosfere rendono “Prominence And Demise”, un disco  difficile da assimilare, in cui il tentativo di elevare un brano al di sopra degli altri risulta effimero. Tuttavia la componente teatrale di “The Grand Design” e “The Darkest Path”, si mostra priva di inibizioni in maniera piacevole e allo stesso tempo la conclusiva “The Last Line” accenna a partiture folk, tutt’altro che disprezzabili e delinea linee vocali sorprendentemente incisive fin da subito. Contempliamo con soddisfazione il songwriting ispirato e personale del quartetto vichingo, ben rappresentato dalla bellissima copertina firmata Travis Smith, senza ignorare la produzione delle chitarre ritmiche in primis: una bruttura senza scusanti ideologiche, inammissibile a certi livelli.

TRACKLIST

  1. Universal Creation Array
  2. Distorted Dimensions
  3. The Grand Design
  4. When The Dream Of Paradise Died
  5. Fall And Rise
  6. The Darkest Path
  7. Convictions And Contradictions
  8. Where The Cold Winds Blow
  9. The Last Line
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.