WINTERAGE – The Harmonic Passage

Pubblicato il 23/03/2015 da
voto
7.0
  • Band: WINTERAGE
  • Durata: 01:09:53
  • Disponibile dal: 02/02/2015
  • Etichetta: Nadir Music
  • Distributore: Audioglobe

Si impongono con arrogante autorità i genovesi Winterage, conquistando appieno l’attenzione di quella fetta di critica e di ascoltatori che bazzicano il campo del power sinfonico. Il motivo di cotanto vociare che si sta alzando attorno alla band ligure è secondo noi giustificato, in quanto effettivamente questo giovanissimo quintetto dalle grandi ambizioni riesce col debutto “The Harmonic Passage” nel difficile compito di aprire una finestra solitamente nascosta, facendo entrare una ventata di aria fresca in un genere che oramai per certi versi sa di stantio. I Winterage partono infatti come già si è detto da una base che parla chiaramente di power e symphonic metal, ma ci aggiungono forti connotazioni folk, un potente comparto orchestrale e un ampio respiro epico, che si declina a livello di liriche su tematiche fantasy/eroiche. Apparentemente anche qui nulla di nuovo, anche perché quando parliamo del primo degli elementi citati ci vengono in mente gli Elvenking, quando si parla del secondo non si possono non nominare gli Haggard e per quanto riguarda il terzo elemento tutti noi sappiamo già che i Rhapsody of Fire hanno già detto quanto c’era da dire. Ma un’ipotetica miscela di Elvenking, Haggard e Rhapsody ancora s’aveva da sentire… almeno fino ad adesso. Il motivo per cui stiamo spendendo così tante parole sui Winterage è quindi proprio questo: il combo genovese è riuscito a prendere aspetti difficilmente estraibili ma pregnanti da gruppi con personalità e sonorità ingombranti e a mischiarle assieme, creando una personalità nuova. Ovviamente tale nuova personalità è parimenti ingombrante e un po’ pretenziosa, ma ammettiamo che quasi nulla qui cade nell’ovvia trappola rappresentata dal detto ‘il troppo stroppia’. Anzi, effettivamente ‘The Harmonic Passage’ riesce a rimanere piuttosto fluido e fruibile, nonostante la mole e l’importanza sonora degli elementi che lo compongono. L’orchestra (una vera orchestra sinfonica, di quaranta elementi) accompagna con la propria grandeur ogni brano, dotando ognuno di un afflato drammatico che con i soli synth si fatica ad ottenere; il volino del bravo Gabriele Boschi porta da solo lo spunto interessante delle melodie folkloristiche irlandesi, e infine i testi di stampo fantasy si accompagnano perfettamente al clima Rhapsodiano che si è andato a ricreare. In questo modo, i Winterage riescono ad accodarsi al carozzone del nuovo power sinfonico, quello che vede Sound Storm, Fogalord e Vexillum come validi rappresentanti, ma riescono ad avere sapori diversi da tutti e tre gli esempi citati. Nel corso di questa cinquantina di minuti tutto fila liscio… le canzoni di “The Harmonic Passage” non annoiano e per fortuna non perdono mai un necessario approccio metal, dimostrazione di come la band sappia usare bene gli elementi a propria disposizione (violino, orchestra e comparto lirico) per ‘insaporire’ la proposta senza per questo soffocarla. Qualche magagna ancora magari la troviamo, come lo stucchevole italiano usato per ‘La Grotta Di Cristallo’, o l’eccessiva pomposità che alle volte si accompagna ad alcuni arrangiamenti (‘The Golden Worm’, ‘The Flame Shall Not Fade’), ma la ricchezza degli input, la produzione perfetta di Tommy Talamance (Sadist) e le indubbie capacità compositive non possono che strapparci un pollice alzato. L’ingresso sul mercato dei Winterage è meritatamente strombazzato, vediamo col prossimo disco cosa maturerà da questo fertile terreno. Li attendiamo per un futuro hot album.

TRACKLIST

  1. Ouverture in Do Minore
  2. The Harmonic Passage
  3. The Flame Shall Not Fade
  4. Wirewings
  5. Son Of Winter
  6. La Caccia Di Turin
  7. Golden Worm
  8. Victory March
  9. La Grotta Di Cristallo
  10. Crown To The Crowds
  11. Panserby_rne
  12. The Endless Well
  13. Awakening
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.