WITHERFALL – Vintage

Pubblicato il 26/03/2019 da
voto
8.0
  • Band: WITHERFALL
  • Durata: 00:40:46
  • Disponibile dal: 22/03/2019
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Sony

Non sono in pochi a considerare gli americani Witherfall come una vera e propria band rivelazione degli ultimi anni: sono infatti ben due i loro album divenuti disponibili sul mercato dal 2017 ad oggi, ed entrambi si possono classificare, senza particolari ripensamenti, come dei veri e propri capolavori di metal classico e moderno allo stesso tempo. Dopo il recente e splendido “A Prelude To Sorrow” e in occasione del tour acustico di supporto ai finlandesi Sonata Arctica, Jake Dreyer e compagni hanno ben pensato di mettere in mostra un lato diverso del proprio carattere musicale con questo nuovo EP intitolato, molto semplicemente, “Vintage”.
Il titolo si riferisce naturalmente alla lunghissima, magnifica e variegata suite presente sull’ultimo full-length, qui in parte proposta come strato integrante di un medley, insieme alla altrettanto riuscita “Nobody Sleeps Here” dal disco di esordio. Oltre a ciò, qui possiamo trovare una versione ri-arrangiata della malinconica “Ode To Despair”, una tanto attesa release in occidente del brano “The Long Walk Home (December)” e ben due cover: una di “I Won’t Back Down” di Tom Petty e, come possibile picco più elevato toccato da questa non poi così breve tracklist, una della già epica “A Tale That Wasn’t Right” dei leggendari Helloween. Tutto questo, con in più la versione standard del brano che dà il nome all’EP a occupare il gradino finale di questa poetica scalinata verso un mondo dipinto con sole sfumature di colori notturni.
Inutile spendere troppe parole per parlare dell’esecuzione da parte dei singoli strumentisti, dal momento che stiamo parlando di veri e propri assi nel proprio dipartimento, anche al momento di mettere da parte la distorsione sonora per proporre qualcosa di prettamente orientato verso l’acustico. Segnaliamo inoltre la presenza del nuovo tastierista Alex Nasla, il cui contributo si può percepire in svariati passaggi evocativi e, in certi casi, potenzialmente toccanti per buona parte dei possibili ascoltatori.
Per questa recensione ci dilunghiamo decisamente meno rispetto a quanto fatto per i due, ancora piuttosto freschi, full-length già disponibili sul mercato: In fin dei conti, i numeri parlano da sé, e noi non possiamo che essere entusiasti del successo non indifferente che i ragazzi stanno riscuotendo all’interno di una scena che a volte corre il rischio di risultare lievemente satura di realtà non propriamente in grado di distinguersi. Qui siamo su tutto un altro livello, e non possiamo che augurarci che il tempo possa darci ragione, favorendo l’ascesa verso l’Olimpo dei Witherfall tra le band metal più ispirate in assoluto.
Se avete apprezzato i due lavori principali ad opera della band californiana, allora fate vostra anche una copia di questo particolare EP, grazie al quale potreste davvero vedere una toccante faccia alternativa di una formazione che sembra avere ancora un grande mazzo di carte vincenti da scoprire. Se continuano così, il mondo presto sarà loro!

TRACKLIST

  1. Vintage Medley (Vintage, Pt. I)
  2. Vintage Medley (Nobody Sleeps Here)
  3. Vintage Medley (Vintage, Pt. II)
  4. A Tale That Wasn't Right (Helloween cover)
  5. Ode To Despair (Acoustic)
  6. The Long Walk Home (December)
  7. I Won't Back Down (Tom Petty cover)
  8. Vintage (album version)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.