WITHERSCAPE – The Inheritance

Pubblicato il 22/07/2013 da
voto
7.0
  • Band: WITHERSCAPE
  • Durata: 00:43:42
  • Disponibile dal: 26/07/2013
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

In un’epoca triste in cui la fruizione della musica, per la media degli individui, si limita spesso ad un fugace ascolto su YouTube o Spotify mentre si fa altro, Dan Swanö ha l’incoscienza (ormai da qualche tempo incurabile) di proporre continuamente nuovi progetti, concept album ed esperimenti assortiti, andando qua e là a richiamare un passato musicale di cui, purtroppo, solo alcuni dei metal fan attuali sono effettivamente a conoscenza. La nuova avventura del polistrumentista/produttore svedese porta il nome Witherscape, ma chi è cresciuto ascoltando il materiale del Nostro negli anni Novanta certamente non faticherà a tracciare parallelismi fra alcuni di questi spunti e quanto messo in mostra su un disco come “Purgatory Afterglow” degli Edge Of Sanity, l’album solista “Moontower” o il progetto Odyssey. Coadiuvato dal chitarrista Ragnar Widerberg, Swanö con questi Witherscape pare intenzionato a voler creare un ipotetico limbo tra certo suo background progressive extreme metal e sfacciate influenze classic che talvolta strizzano l’occhio a primi Queensryche, Judas Priest e King Diamond. Di conseguenza, i brani ondeggiano tra calde voci pulite ed un cupo growling, fra un riffing di chitarra a tratti molto tradizionale e tastiere “spaziali” che ricordano un “Moontower”, tra mini-suite e brani più diretti e ritmati, senza però mai allargarsi troppo in tema di esasperazioni extreme/death metal. Le ritmiche, difatti, non vanno oltre solidi midtempo, su cui Swanö e Widerberg sembrano trovarsi particolarmente a loro agio nello sfoderare tutta la loro creatività in fase melodico-solista. Il disco parte alla grande con quattro pezzi di elevata caratura, ma si spegne lievemente nel finale, concedendo qualche calo di tensione e un vago senso di ripetitività. Tuttavia, considerata anche la durata non eccessiva, “The Inheritance” si lascia ugualmente assorbire con piacevole contemplazione, regalando ulteriori suggestioni a livello lirico, trattandosi di un concept basato su una storia horror ambientata nella Svezia del 1800. Insomma, anche se non riuscita al 100%, accogliamo con favore questa ennesima prova in studio di Swanö; un album che, alla fine dei conti, indica strade senza dubbio percorribili da un’artista ormai leggendario, che in oltre due decenni di musica è sempre riuscito a rimettersi in gioco con eleganza.

TRACKLIST

  1. Mother Of The Soul
  2. Astrid Falls
  3. Dead For A Day
  4. Dying For The Sun
  5. To The Calling Of Blood And Dreams
  6. The Math Of The Myth
  7. Crawling From Validity
  8. The Wedlock Observation
  9. The Inheritance
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.