XANDRIA – India

Pubblicato il 16/09/2005 da
voto
5.0
  • Band: XANDRIA
  • Durata: 00:52:02
  • Disponibile dal: /08/2005
  • Etichetta: Drakkar Records
  • Distributore: Audioglobe

Succede sempre così: qualcuno inventa o rispolvera una formula disuccesso e subito iniziano a spuntare gruppi-clone come funghi dopo lapioggia. È capitato con il black metal sinfonico dei Cradle OfFilth/Dimmu Borgir, il revival del power metal di qualche anno fa e,adesso, è la volta dei Nightwish, la cui formula inizia ad esserecopiata da decine di band. Presumibilmente le etichette discografichesuppongono che il pubblico sia formato per lo più da pecoroni checomprerebbero qualunque cosa possa vagamente somigliare alla ‘newsensation’ del momento. Per fortuna non è così e, dunque, siamo ingrado di renderci conto che i tedeschi Xandria sono solo una band checerca di cavalcare l’onda del successo di altri gruppi (Nightwish eWithin Temptation in primis), senza però avere le doti per farlo inmaniera personale. Dopo due album più vicini al gothic tradizionale, laband dà alle stampe quello che dovrebbe essere una sorta di conceptorientaleggiante, intitolato “India”. Non lasciatevi ingannare, però,dal titolo esotico dell’album: le atmosfere indiane vengono evocatequasi esclusivamente a parole, dato che a livello musicale il tutto sipuò ricondurre alle solite influenze sinfoniche e celtiche. Date lepremesse, descrivere le composizioni sarebbe quasi inutile ma, perdovere di cronaca, diciamo che si tratta di brani saturiall’inverosimile, con le chitarre ribassate e corpose a fare da sfondoalle pesanti pseudo-orchestrazioni di tastiera; di tanto in tanto laband gioca la carta della modernità, semplicemente usando dei padelettronici di dubbio gusto; e infine abbiamo la voce di LisaSchaphaus, che si rivela la cosa più gradevole dell’album. Il risultatosono dei brani in cui tutto è confuso, un frullato dove a fatica siriescono a distinguere gli strumenti e le melodie: non è un caso,dunque, che le uniche composizioni capaci di raggiungere la sufficienzasiano un paio di momenti più rilassati, come “Like A Rose On The GraveOf Love”, che sembra unire Enya, la colonna sonora di “Braveheart” e iBlackmore’s Night; e “Who We Are”, malinconica power ballad dalle bellelinee vocali. Troppo poco, comunque, perché “India” possa rivelarsi diqualche interesse, anche per gli amanti di queste sonorità.

TRACKLIST

  1. India
  2. Now & Forever
  3. In Love With The Darkness
  4. Fight Me
  5. Black & Silver
  6. Like A Rose On The Grave Of Love
  7. Widescreen
  8. The End Of Every Story
  9. Who We Are (And Who We Want To Be)
  10. Dancer
  11. Winterhearted
  12. Return To India
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.