XASTHUR – To Violate The Oblivious

Pubblicato il 01/03/2005 da
voto
7.0
  • Band: XASTHUR
  • Durata: 00:54:17
  • Disponibile dal: 01/10/2004
  • Etichetta: Total Holocaust
  • Distributore:

A coronamento di un periodo veramente intenso fatto di nuove produzioni e ristampe, arriva questo ultimo sigillo maligno degli Xasthur ad opera stavolta della svedese Total Holocaust Records. Avanza inesorabile l’esalazione mortifera che solo questa one man band statunitense è in grado di produrre con un black metal che si disperde nel doom, nella depressione, nella morte del suono. “To Violate The Oblivious” ovviamente è un album tetro e tormentato, stavolta però la registrazione è leggermente migliore del solito e questo serve nel bene e nel male a diradare un po’ quel mood opprimente tipico delle precedenti release della band. Non che ora il sound tipico degli Xasthur sia diventato più accessibile o la produzione meno estremo, è solo che l’aura soffocante non è più così letale come un tempo. Le chitarre hanno un suono meno indefinito e zanzaroso, ma è l’uso delle tastiere ad essere il vero lato nuovo nell’economia del suono degli Xasthur. Usate maggiormente, ora le tastiere con i loro tappeti creano un’atmosfera che in qualche modo rende la musica più orecchiabile anche se sempre incredibilmente oscura. L’album va assorbito in toto e le canzoni sono concepite in modo da costituire un unico blocco, perdendo così in individualità: un gioco che riesce con successo agli Xasthur e a pochi altri gruppi. Difficile dire se questo “To Violate The Oblivious” rappresenti l’apice della carriera della band americana, forse non è così pestilenziale come lo era il suo predecessore, ma per chi è innamorato del black metal più estremo, lento e malato, allora anche questo album è da consigliare caldamente. Prendere o lasciare.

TRACKLIST

  1. intro
  2. xasthur within
  3. dreams blacker than death
  4. screaming at forgotten fears
  5. consumed by a dark paranoia
  6. marked by shadows
  7. apparitional void of failure
  8. a gate through bloodstained mirrors
  9. walker of dissonant worlds
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.