XASTHUR – Victims Of The Times

Pubblicato il 10/07/2021 da
voto
7.0
  • Band: XASTHUR
  • Durata: 01:09:08
  • Disponibile dal: 09/07/2021
  • Etichetta:
  • Lupus Lounge
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

L’entità Xasthur, intesa come una delle più disarmanti e turpi espressioni del black metal americano, è morta e sepolta da oltre dieci anni. Il fondatore e unico membro Malefic, tuttavia, dopo aver cambiato monicker per alcuni anni, ha deciso di rimettere in pista il suo demone, pur tornando a usare il suo nome di battesimo e optando per nuovi, e ormai consolidati, binari musicali.
La dimensione attuale è quella di un folk rock acustico dai forti connotati politici e ridotto musicalmente all’osso, e che proprio nel suo approccio scarno ha il principale punto di forza. Potremmo definire i brani qui presenti come l’ideale colonna sonora di “Nomadland”, il film recentemente premiato agli Oscar che racconta la vita dei nuovi nomadi americani, coloro che hanno perso casa, lavoro e rete sociale – pur inventandosene una nuova e più vicina ai ritmi “naturali” della vita – come conseguenza della crisi economica e della feroce pressione del liberismo. Scott Conner, eterna anima di Xasthur, ha perso a sua volta la casa nel periodo di composizione di questo disco, e ha cercato di canalizzare la rabbia e lo sconforto in efficaci sfoghi, insieme poetici e profondi. Accompagnato da due amici al basso (minimale) e alle chitarre, Scott ci offre così uno sfaccettato spaccato di questo a volte poco riconosciuto mondo di derelitti, relegati ai margini della società anche come racconto. Nelle delicate e insieme complesse trame di chitarra – con non pochi passaggi affidati alla malinconia intrinseca delle 12 corde – troviamo echi del Tim Buckley meno visionario; mentre ascoltando i testi, più che lo scontato richiamo al Dylan di protesta, viene alla mente il più concreto ma non meno efficace Billy Bragg.
È un disco forse un po’ troppo lungo e omogeneo per risultare incisivo nella sua interezza, e come avrete intuito lontano anni luce dal black metal. Ma se negli anni avete imparato ad amare proposte limitrofe (scontato il riferimento ai connazionali Panopticon), non storcerete di certo il naso di fronte alla svolta “americana” di questo ex enfant prodige dell’estremo.

TRACKLIST

  1. Same Old Suspects
  2. Dust Of What Was
  3. Mirror In The Face
  4. Unsolvable Puzzles
  5. Fairy Tale Ideologies
  6. Medieval Acid Folk
  7. Stars Amongst Failures
  8. Reality Is The Unknown
  9. Estranged
  10. Postponing My Funeral
  11. Static Of Uncreativity
  12. A Future To Fear
  13. Ghost Of An Excuse
  14. Mirrormindfuck
  15. Benefits Of Dying
  16. Victims Of The Times
  17. Digital Beast
  18. Home Is Nowhere
  19. Allegiance To The Meaningless
  20. Justify Your End
  21. In Search Of Sanity
  22. Voluntary Prisoners
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.