XENOS – Filthgrinder

Pubblicato il 18/01/2020 da
voto
5.5
  • Band: XENOS
  • Durata: 00:38:35
  • Disponibile dal: 24/01/2020
  • Etichetta:
  • Club Inferno

Spotify:

Apple Music:

Non sempre buonissimi e lodevoli intenti sono sufficienti per inscatolare un lavoro degno di nota. L’inevitabile accorgimento tecnico insieme con la fondamentale componente chiamata produzione sono infatti elementi chiave per la buona riuscita di un album. L’assenza di uno dei due – o peggio ancora di entrambi – rischia di rovinare tutte le buone intenzioni di partenza. Ed è stata proprio questa lacuna a segnare il debutto sulla lunga distanza degli Xenos, band siciliana dedita al thrash d’annata, fondata e guidata da Ignazio Nicastro, già bassista degli Eversin, qui nelle vesti anche di cantante. Si chiama “Filthgrinder” e in poco meno di quaranta minuti ci presenta un malloppo di pezzi in cui il marchio Megadeth in primis, Annihilator e Xentrix regna sovrano; la vecchia scuola insomma, a testimonianza della verace passione per il genere dello stesso Nicastro e dei suoi due compagni di avventura, il chitarrista Giuseppe Taormina e Danilo Ficicchia alla batteria. Notevoli i virtuosismi alla sei corde di Taormina, soprattutto in sede di assoli; altrettanto buono è il tiro impostato dalla coppia ritmica ma qualcosa, come detto, non ha funzionato, a partire dalla resa sonora dell’intero full-length: sorpassata l’intro acustica firmata “Soldados” una confusione globale dei suoni entra fastidiosamente in gioco, penalizzando la prestazione individuale dei singoli interpreti oltre che, ovviamente, la qualità dei vari brani. A ciò dobbiamo aggiungere una performance vocale non proprio impeccabile da parte del leader Nicastro, non sempre a suo agio nei passaggi lirici più rapidi e poco incisivo anche negli episodi se vogliamo maggiormente ‘adattabili’ (vedi la cover non così riuscita di “Peace Sells”). Note dolenti che mettono in secondo piano la presenza di due importanti special guest intervenute nel completamento dell’album: in “Birt Of A Tyrant”, infatti, abbiamo il mitico Dunn, per tutto il mondo metal Mantas, mentre a duettare dietro al microfono nella conclusiva “Of Magma And War” abbiamo Si Cobb dei veterani del thrash britannico Anihilated. Falsa partenza quindi per gli Xenos che, per il futuro, dovranno per forza di cosa rivedere quei punti sottolineati ad inizio recensione, indispensabili per avere un risultato che soddisfi le aspettative.

 

TRACKLIST

  1. Soldados
  2. Filthgrinder
  3. Post Apocalypse Breed
  4. Birth Of A Tyrant
  5. So Old, So Cold
  6. Iconoclast
  7. Angel Of Silence
  8. Peace Sells
  9. Of Magma And War
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.