ZAO – Pyrrhic Victory

Pubblicato il 13/11/2017 da
voto
7.0
  • Band: ZAO
  • Durata: 00:19:00
  • Disponibile dal: 03/11/2017

Spotify:

Apple Music:

In pochi pensavano che ci sarebbe subito stato un seguito, ma dopo nemmeno un anno dall’uscita di “The Well-Intentioned Virus”, gli Zao sono di nuovo qui, pronti a tornare sul mercato discografico con un nuovo EP. “Pyrrhic Victory”, rilasciato dalla band stessa come il succitato ultimo album, porta avanti con coerenza il classico stile Zao, mettendo sul piatto cinque tracce che non avrebbero affatto sfigurato nei lavori precedenti. Nel corso degli anni sono volate decine di etichette per definire la proposta dei ragazzi della West Virginia, ma il sunto è sempre stata una fusione di metal estremo e hardcore. Nella musica degli Zao vi è destrutturazione, a volte si gioca di sottrazione, ogni influenza ha il giusto peso e anche il minutaggio, oltre alla struttura, non è mai troppo prevedibile o convenzionale. Se l’esecuzione e l’attitudine possono a tratti essere decisamente di stampo hardcore, nel lavoro di chitarra spesso vincono l’oscurità e i toni profondi e disperati, mentre le urla di Daniel Weydant scavano e lacerano ossessivamente. Rispetto a “The Well-Intentioned Virus”, il gruppo qui punta meno sulla pesantezza, privilegiando un andamento più agile e tagliente che esalta il nervosismo del suddetto Weydant, vera belva dietro al microfono, ancora una volta pronto a confermarsi uno dei cantanti più riconoscibili nel panorama hardcore-metal. Si sente anche del pulito in alcuni frangenti: come da tradizione Zao, la musica balla fra pura violenza e un’emotività fragile, senza mai sottrarsi completamente a nessuno dei due registri. “Feed It Pain”, in questo senso, è l’ennesimo ottimo esempio della duttilità della formazione. Insomma, il sound è forse sfuggente alle definizioni, ma formalmente impeccabile in ogni aspetto. Per gli Zao, “Pyrrhic Victory” è una piccola grande conferma, un lavoro che vanta l’espressività e la fluidità che solo i leader possiedono. Dategli un ascolto se i Carcass sono il vostro pane tanto quanto i Converge.

TRACKLIST

  1. Drifting Shadows In Walking Dreams
  2. Gifts Of Flowers And Stone
  3. Clawing, Clawing, Never Cutting Through
  4. The Host Has Bared Its Teeth
  5. Feed It Pain
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.