ZIPPO – Maktub

Pubblicato il 07/06/2011 da
voto
6.0
  • Band: ZIPPO
  • Durata: 00:34:00
  • Disponibile dal: 02/05/2011
  • Etichetta: Subsound Records
  • Distributore: Goodfellas

Ci riprovano i nostri Zippo. La tecnica è enormemente migliorata, le capacità compositive appaiono decise e molto meno immature e il distacco auspicato da certi suoni grunge e addirittura nu metal (che avevano compromesso un debutto immaturo e ancora in fase “decisionale”) è finalmente arrivato e sembra ora completo. Ma siamo sicuri che la direzione intrapresa dalla band abruzzese sia quella giusta? Renderà loro giustizia? Il problema sembra essere sempre lo stesso, insomma. Lo stesso che caratterizza tante altre valide entità del Bel Paese operanti anche in altri campi, sopratutto quello del post-hardcore, dove a parte dei sublimi imitatori non riusciamo a produrre altro. Se band come i Clutch, i Baroness, i Kylesa e i Mastodon (e questi sono solo i vip, ce ne sono a quintali e quintali di altre valide band simili!) già hanno tappato ogni buco disponibile in questo nuovo ma già inflazionato e sovrappopolato segmento di musica heavy che flirta col rock dei Seventies, perchè continuare ostinatamente a sbracciare per entrare in un mondo ormai saturo e dai tratti sempre più banali, solo perchè ultimamente suona tanto figo? Tutti vogliono farsi crescere le barbone, riempirsi di tatuaggi, scolare bidoni di birra, coltivare questa nuova/vecchia immagine da biker psiconauta, alzare a palla le Gibson e gli Orange, e unirsi alla festa più cool del vicinato…ma la casa qua straborda! Si può senz’altro sfoderare un bel dischetto, certo, come questo “Maktub” in fin dei conti è (anche se il suffisso -etto, ahinoi, non si toglie), ma il lavoro in questione è inevitabilmente destinato a vivere all’ombra lunghissima e inscrollabile di band, come quelle sopraccitate appunto, che questa roba l’hanno prima “inventata” e poi imposta ripetutamente (con merito o meno, ma questo è un altro discorso) su una scena ormai infarcita e satolla da fare schifo. Passa anche la voglia di descrivere più nello specifico le sonorità di un lavoro come “Maktub”, se dicendo semplicemente Baroness, Mastodon e Kylesa si è già praticamente arrivati al nocciolo centrale della questione. Il resto sarebbero solo dettagliucci prolissi che non aiuterebbero a capire meglio il lavoro, e non aggiungerebbero alcunchè a queste righe o al valore della band. Sludge metal, prog e rock seventies, ecco qua, si è detto praticamente tutto, e si torna inevitabilmente alle band sopraccitate. Non che uno lo vuole fare apposta, semplicemente non c’è via d’uscita. Gli Zippo sono probabilmente la migliore band nel genere che ci sia in Italia, ma ancora una volta la ciccia vera sta altrove; e non solo a Savannah in Georgia. Ultima menzione, se può interessare, va fatta alla presenza in veste di ospiti di Luca T. Mai (Zu) e di Ben Ward (Orange Goblin) in due pezzi, ma è troppo poco per riaprire il discorso.

TRACKLIST

  1. The Personal Legend
  2. The Omens
  3. Caravan To Your Destiny
  4. Man Of Theory
  5. We, People's Hearts
  6. Simum
  7. The Treasure
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.