AC/DC: la loro canzone più imbarazzante secondo Angus Young

Pubblicato il 12/12/2020

Artista: AC/DC + Axl Rose | Fotografo: Francesco Castaldo | Data: 23 maggio 2016 | Venue: Letnany Airport | Città: Praga (Repubblica Ceca)

 

In una recente intervista rilasciata a Vulture, il chitarrista degli AC/DC, Angus Young, ha parlato di quella che considera la canzone più imbarazzante della carriera degli AC/DC:

“Per il nostro primo album, ‘High Voltage‘, facemmo una canzone romantica di nome ‘Love Song‘. Era una cosa molto diversa dal nostro stile. Non ricordo di preciso se forse stessimo facendo una sorta di parodia delle canzoni d’amore di quel periodo, perchè il testo lo scrisse Bon. Non ricordo nemmeno il testo di quel pezzo. Ricordo quel brano, perchè il tizio che lavorava per noi alla nostra etichetta, ci disse che quello era il genere di pezzi che venivano passati nelle radio locali… roba molto leggera. Secondo lui dovevamo pubblicare quella traccia come singolo, perchè le radio l’avrebbero fatta girare. Ricordo che pensai: ‘Ma chi vuole una cosa del genere?’. Fummo fortunati, perchè le radio che ci avevano visto dal vivo, sapevano che quel pezzo non ci rappresentava. Quelle radio iniziarono quindi a girare il disco del singolo sull’altro lato e a mettere la cover di ‘Baby, Please Don’t Go’. Praticamente una B-side divenne una hit e ci salvò la faccia”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.