Addio all’iPod dopo più di vent’anni

Pubblicato il 11/05/2022

Dopo 21 anni la Apple ha messo ufficialmente fuori produzione l’iPod.

Il lettore di musica digitale, uno dei dispositivi che più hanno rivoluzionato il modo di ascoltare e acquistare musica, giunge a fine vita con gli ultimi lotti di iPod Touch di settima generazione acquistabili fino a esaurimento scorte via apple.com.

Presentato il 23 ottobre 2001 da Steve Jobs, l’iPod nel tempo è andato incontro a una lunga serie di evoluzioni tecniche e di design e si è differenziato in vari modelli come iPod Touch, iPod Nano, iPod Mini e iPod Shuffle. Ad oggi si stima ne siano stati venduti circa 450 milioni di esemplari sommando tutte le versioni e modelli.

Greg Joswiak, vice presidente Worldwide Marketing di Apple dichiara:

“La musica è sempre stata parte della nostra attività in Apple. Farla arrivare a centinaia di milioni di utenti nel modo in cui l’iPod ha fatto, ha avuto un impatto non solo sull’industria musicale, ha anche ridefinito il modo in cui la musica viene scoperta, ascoltata e condivisa. Oggi, lo spirito dell’iPod sopravvive. Abbiamo integrato un’esperienza d’ascolto musicale incredibile in tutti i nostri prodotti, dall’iPhone all’Apple Watch all’HomePod mini e su Mac, iPad e Apple TV. E Apple Music offre una qualità del suono leader del settore con supporto per l’audio spaziale. Non c’è modo migliore per godersi e scoprire la musica”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.