BEHEMOTH: Nergal di nuovo assolto per l’accusa di vilipendio allo stemma nazionale polacco

Pubblicato il 08/05/2022

Artista: Behemoth | Fotografo: Enrico Dal Boni | Data: 23 luglio 2018 | Evento: Metaldays | Città: Tolmin (Slovenia)

 

Il frontman dei BEHEMOTH, Adam “Nergal” Darski, è stato assolto per la seconda volta nella causa iniziata nel 2018 che lo vedeva imputato per vilipendio di uno stemma nazionale polacco.

L’accusa, ricordiamo, era legata al design della maglia e dell poster del tour “The Republic Of The Unfaithful” e in particolare l’aquila che raffigurava, simile allo stemma nazionale polacco. Secondo la legge locale, ogni utilizzo dello stemma o di suoi elementi caratteristici che risultino offensivi o dannosi, è perseguibile dalla legge.

Il Tribunale di Gdansk il 6 maggio ha stabilito che il design della maglia e del poster non costituiscono vilipendio dello stemma nazionale. La violazione dell’articolo 137 del Codice Penale polacco si verifica se è lo stemma stesso ad essere oggetto di vilipendio, non una rappresentazione grafica ad esso simile in quanto raffigurante un’aquila. Il giudice ha precisato che il disegno alla base dell’artwork creato per i BEHEMOTH deriva da una bozza realizzata a mano e non partendo dallo stemma nazionale e che, inoltre, la scritta “Rzeczpospolita Niewierna” (“The Republic Of The Unfaithful“) non ha riferimenti religiosi e pertanto non è offensiva in tal senso.

Nergal dichiara:

“Cazzo sì! Assolto di nuovo!!
Tutto ciò iniziato più di 3 anni fa, quando uno dei politici del PIS ha ritenuto che i BEHEMOTH avessero offeso l’emblema nazionale polacco con un design che è stato utilizzato per promuovere la tappa polacca del tour della band.
Ovviamente, non stava succedendo niente di simile, ed era fin troppo chiaro per tutti tranne che per i politici di destra e i loro fan. Eppure la Procura politicizzata ha aperto un’indagine e ci ha accusato di aver insultato l’emblema polacco.
3 anni fa si tenne la prima udienza in tribunale. Alla fine abbiamo vinto e siamo stati tutti assolti. Quindi, il pubblico ministero ha presentato ricorso e la corte d’appello ha richiamato la causa per il riesame.
E ora siamo stati assolti di nuovo! Ma la storia continua, incrociamo le dita. Comunque, è la seconda battaglia consecutiva che vinciamo!
Grazie a tutti coloro che lo hanno reso possibile, grazie al giudice per essere stato equo, di mentalità aperta e ragionevole, e coraggioso in tempi così strani…

ARTE & logica vs fanatici religiosi 3 : 0″

A settembre 2021 Nergal era stato assolto in una delle cause che lo vedono imputato per blasfemia.

La maglia:

Lo stemma nazionale polacco:

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.