BEHEMOTH: Nergal di nuovo in tribunale

Pubblicato il 08/07/2020

E’ ripreso il processo ad Adam “Nergal” Darski, il frontman dei BEHEMOTH, per vilipendio ad un emblema nazionale polacco.

L’accusa, ricordiamo, è legata al design della maglia di “The Republic Of The Unfaithful” e in particolare l’aquila che raffigura, simile allo stemma nazionale polacco. Secondo la legge locale, ogni utilizzo dello stemma o di suoi elementi caratteristici che risultino offensivi o dannosi, è perseguibile dalla legge.

Nergal nelle scorse ore ha diffuso il seguente post via Instagram:

“Quindi, qualche idiota crede ancora che il design di ‘The Republic Of The Unfaithful’ dei BEHEMOTH sia un sacrilegio dell’emblema nazionale polacco. In realtà NON lo è ma hanno voluto riaprire il caso e fare ulteriori indagini. Pensano che i diritti d’autore sull’aquila bianca siano di proprietà esclusiva della Polonia e ogni sua altra raffigurazione sia una bestemmia. I miei antagonisti sembrano essere così disperati nel cercare di inchiodare il loro capro espiatorio alla loro marcia croce morale che hanno perso il buon senso in tutta questa storia. Ci accusano di essere anti-polacchi. Credo che passare ore in tribunale, coinvolgere tutte le persone che ci girano intorno tra giornalisti, avvocati e altri e spendere soldi in tasse per un altro assurdo processo sia profondamente anti-polacco. Avremmo potuto tutti quanti risparmiare tempo e impiegarlo per qualcosa di creativo. No?”

Nergal dovrà anche affrontare un secondo processo per accuse di blasfemia legate ad una sua foto con un crocifisso ricavato da un dildo

View this post on Instagram

#blackmetallivesmatter?! So some idiots still claim that “The Republic of the unfaithful” @behemothofficial logo is a sacrilege of Polish national emblem. It is NOT in fact. But they insisted to reopen the case to investigate further. They think that copyrights of white eagle is solely owned by Poland and every other interpretation of the bird is a blasphemy. My antagonists seem to be sooo desperate to nail their favorite scapegoat to their rotten moral cross that they missed all the common sense in the narrative. They accuse us of anti-Polish act. If u ask me, spending hours in the court, engaging all the people around (journalists, judges, lawyers etc etc) spending xxx tax money on another absurd case is DEEPLY anti-Polish. We all could have saved this time to do something creative, couldn’t we? Photos by @karolina_misztal

A post shared by Adam Nergal Darski (@nergal69) on

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.