BEHEMOTH: Nergal commenta le violenze contro il Gay Pride di Bialystok, “Mi vergogno del mio Paese”

Pubblicato il 21/07/2019

Ieri sabato 20 luglio, durante il primo corteo gay-pride organizzato nella città nordorientale polacca di Bialystok, i manifestanti sono stati aggrediti brutalmente da alcuni gruppi di estrema destra, a colpi di bottiglie di vetro, spranghe, sassi e fumogeni. Anche dalle abitazioni circostanti, sono volati fuori dalle finestre sacchi di farina contro il corteo che era del tutto pacifico e che mostrava striscioni inneggianti alla pace e all’amore. Gli aggressori si sarebbero poi accaniti contro la polizia antisommossa presente alla manifestazione, urlando: “Dio, onore, madrepatria e Bialystok libera dai pervertiti”.  È emerso che anche la Chiesa cattolica locale si era detta contraria allo svolgersi del corteo a favore dei diritti LGBT.
I fatti fanno seguito a una dura campagna elettorale che ha visto il partito sovranista di governo Diritto e Giustizia (PiS) puntare sull’attacco alla comunità gay in occasione delle elezioni europee del 26 maggio e che ora sta insasprendo tale linea in vista delle elezioni politiche autunnali, dichiarando che il movimento LGBT è addirittura una “minaccia per la nazione”.

Nergal, il frontman dei BEHEMOTH, ha voluto esprimere il suo dissenso con un post sul suo profilo Facebook:

In questo momento, in cui in nome dei cosiddetti valori patriottici e cattolici, le minoranze in Polonia sono perseguitate e domate con aggressione e violenza, io come uomo che ama la LIBERTÀ, voglio dire ad alta voce che mi vergogno della Polonia e del governo che crea un ambiente favorevole a tali azioni. Vergognati di te, razza umana!

Di seguito il post Facebook pubblicato dal musicista polacco:

This moment when in the name of so called patriotic and catholic values minorities in Poland r haunted and treated or…

Gepostet von Adam Nergal Darski am Sonntag, 21. Juli 2019

Artista: Behemoth | Fotografo: Filippo De Dionigi | Data: 16 gennaio 2019 | Venue: Alcatraz | Città: Milano

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.