BEHEMOTH: nuovo processo a Nergal per blasfemia

Pubblicato il 08/02/2021

Artista: Behemoth | Fotografo: Filippo De Dionigi | Data: 16 gennaio 2019 | Venue: Alcatraz | Città: Milano

 

Il leader dei BEHEMOTH, Adam “Nergal” Darski, ha ricevuto una nuova denuncia in Polonia per blasfemia a causa di una immagine condivisa via Facebook nel 2019 e raffigurante un suo piede su un quadro rotto con un’immagine della Madonna.

La foto era stata scattata durante un fotoset realizzato per la sua altra band ME AND THAT MAN.

Ricordiamo che Nergal non solo andò a processo e venne assolto nel 2010 dalle accuse di blasfemia per aver strappato una Bibbia sul palco, ma è tuttora in causa per accuse di vilipendio di uno stemma nazionale e per un altra accusa di blasfemia legata ad una sua foto con un crocifisso ricavato da un dildo.

L’artista ha dichiarato via social:

“Un altro processo in corso. Perchè? Sempre la stessa cosa: offese a sentimenti religiosi. Ancora sciocchezze del genere nel XXI secolo? La Polonia è mentalmente così fottutamente indietro rispetto all’Europa civilizzata che siamo letteralmente l’ultimo baluardo del cosiddetto ‘reato di blasfemia’. Anche la super cattolica Irlanda di recente ha rimosso quel paragrafo dalla costituzione. Succederà anche in Polonia prima o poi… e sì, io sono disposto a fare da trampolino a questa cosa. Si fotta il fondamentalismo religioso in qualsiasi sua forma. Francamente, sono certo che vincerò questo e qualsiasi altro processo. Aspettate e vedrete”.

Se condannato per questo caso, Nergal rischia una multa e fino a due anni di limitazione della libertà personale.

On the set

Posted by Adam Nergal Darski on Wednesday, September 25, 2019

Another lawsuit in the process. Reason? In every case the same: offense of RELIGIOUS FEELINGS! Can u imagine this…

Posted by Adam Nergal Darski on Monday, February 8, 2021

PROSSIMI CONCERTI

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.