BURZUM: “Faccio musica perchè era troppo tardi per arruolarsi nelle SS”

Pubblicato il 16/11/2012

Il leader dei BURZUM, Varg Vikernes, in un suo nuovo post sul proprio sito ufficiale, in mezzo a pensieri ben poco condivisibili, ci spiega come mai si è dato alla musica:

“I BURZUM non sono nati perchè volevo fare musica o perchè ho visto un’opportunità per avere fama e fortuna (come se queste cose ora le avessi…). No. Semmai i BURZUM sono nati perchè non avevo di meglio da fare. Non ero interessato a nulla. Non c’era nulla per cui valesse la pena lavorare o combattere. Inoltre non volevo certo passare il resto della mia vita in mezzo a gente addomesticata, pecore. Ovviamente speravo che il mondo venisse distrutto in una Terza Guerra Mondiale, in modo da ripartire di nuovo e costruire un qualcosa di migliore. Quindi, mentre attendevo, suonavo la chitarra nella mia cameretta. Come sappiamo tutti, però, questa speranza venne vanificata quando cadde il muro di Berlino e l’Unione Sovietica cessò di esistere. Mi rimaneva solo quella chitarra e niente da fare. Vorrei aver fatto qualcosa di diverso, qualcosa di privato, qualcosa che non avrei dovuto condividere con il mondo per trarne da vivere. In realtà non posso dirvi cosa avrei fatto. Era troppo tardi per arruolarsi nelle SS, poi quei ragazzi erano in uniforme, non mi ci sarei trovato troppo bene”.

 

L’ennesima perla di saggezza…

 

 

53 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.