BURZUM: Varg Vikernes, “Non ho scritto io gli articoli razzisti per i quali mi accusano”

Pubblicato il 04/06/2014

Ieri 3 giugno Varg Vikernes (BURZUM) ha affrontato il primo giorno di processo che lo vede imputato a Parigi per incitamento all’odio razziale e religioso, e apologia di crimini di guerra e contro l’umanità a causa di alcuni post pubblicati tra marzo e giugno 2013 sul suo blog, Thuleanperspective.com, contenenti attacchi a ebrei e musulmani. Le autorità avrebbero inoltre trovato materiale definito come “antisemita” sul suo computer. Il musicista ha però contrattaccato smentendo di essere stato lui a scrivere gli articoli in questione. L’avvocato di Vikernes ha difeso il suo assistito, affermando che il blog e il suo layout grafico sono facilmente riproducibili e dunque dei semplici screenshot degli articoli in questione non sono sufficienti a determinare che l’autore sia effettivamente lui. La difesa, a sostegno della propria strategia difensiva, ha inoltre fatto notare che le autorità norvegesi avevano rilevato circa 350 account Facebook di persone che si spacciavano per Varg Vikernes e dunque una moltitudine di potenziali emulatori che potrebbero aver scritto gli articoli presentati come prove dall’accusa.

burzum - varg vikernes - 2012

 

43 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.