BURZUM: Varg Vikernes ora rischia il carcere di massima sicurezza.

Pubblicato il 28/10/2003

Secondo i media norvegesi la mente dei BURZUM Varg Vikernes, che sta scontando una pena di 21 anni per l’omicidio avvenuto nel Agosto del 1993 del chitarrista dei MAYHEM Oystein Aarseth (Euronymous), è stato accusato di furto a mano armata a seguito del suo tentativo di fuga di domenica scorsa.

L’accusa, che ha come pena massima 12 anni, si basa sulle dichiarazioni di una famiglia che Vikernes ha minacciato con una pistola per rubargli la macchina — accusa corroborata ma molte testimonianze oculari. Varg è stato arrestato molte ore dopo mentre viaggiava sul veicolo della famiglia nei dintorni di Oslo, ma nessuna pistola è stata trovata nell’auto e Vikernes nega categoricamente di aver puntato una pistola alla famiglia.

Durante un interrogatorio tenuto lunedì, Vikernes ha dichiarato che stava pianificando la fuga in Svezia con la macchina rubata, ma ha cambiato idea dopo aver parlato con la madre al telefono.

L’avvocato difensore di Vikernes, John Christian Elden, ha parlato con il suo cliente lunedì. “[Varg] ha confermato la sua frustazione per come è stata percepita dai media e dall’opinione pubblica la questione dell’omicidio e per i trattamenti riservategli in prigione, situazione che lo ha spinto a scappare,” ha dichiarato Elden. “Stava andando verso la Svezia, ma ha cambiato idea. Dopo aver parlato con la sua famiglia ha capito che non avrebbe funzionato il tentativo di passare la frontiera.”

Gli ufficiali di polizia hanno in programma per martedì 28 ottobre la decisione se Vikernesdovrà rimanere in isolamento, dove è stato confinato dopo la sua cattura avvenuta lunedì mattina o se dovrà essere trasferito in un carcere di massima sicurezza. In ogni caso Varg non ritornerà al carcere Berg di Tønsberg dove era rinchiuso prima del suo tentativo di fuga.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.