BURZUM: Vark Vikernes è un uomo libero!

Pubblicato il 23/05/2009

Varg Vikernes (a.k.a. Count Grishnackh), leader dei  BURZUM e omicida del leader dei MAYHEM  Oystein Aarseth (a.k.a. Euronymous) nell’agosto del 1993 è un uomo libero.

"Posso confermare che sono uscito dalla prigione" ha dichiarato ad un magazine locale Vikernes.

Sebbene la libertà sulla parola gli sia stata negata ben quattro volte, a Vikernes gli è stata accordata dopo 16 anni di prigione qualche giorno fa. 

"Dovrò rapportami con la polizia per un anno, inizialmente ogni due settimane e poi una volta al mese" ha dichiarato il conte che poi si è detto "pronto per la società, come lo sono da molti anni. Ho imparato dai miei sbagli e sono diventato vecchio, ora voglio solo stare insieme alla mia famiglia". "La mia mente non è stata mai in prigione, ho sempre pensato a quello che avrei fatto fuori dalla galera, ho visto poche volte mio figlio da quando è al mondo, anche se ho sentito la sua voce al telefono goni giorno è veramente dura non essere presente mentre lui sta crescendo. Mi manca la mia famiglia, guardo al futuro, al giorno in cui lavorerò nella mia fattoria, creando musica, scrivendo libri e stando assieme a mia moglie e ai miei figli. Una vita normale". Queste la chiosa dell’intervista rilasciata al magazine norvegese del conte. 

Questa è la foto della nuova casa di Vark Vikernes, foto pubblicata dal sito Varden.no:

30 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.