BURZUM: verrà processato per apologia di crimini contro l’umanità

Pubblicato il 25/09/2013

Varg Vikernes (BURZUM), che già era stato arrestato a luglio e poi rilasciato, dovrà affrontare un processo per incitamento all’odio razziale e religioso, e apologia di crimini di guerra e contro l’umanità. L’udienza è prevista per il 17 ottobre a Parigi. Solo per il secondo reato ischierebbe un massimo di 5 anni di reclusione e 45.000 euro di multa.

Recentemente Vikernes era stato in tribunale per difendersi dalle accuse di essere potenzialmente pericoloso per la sicurezza nazionale, sulla base delle quali rischiava l’espulsione dalla Francia. Il caso si era risolto positivamente per Vikernes, il quale aveva ottenuto il permesso di rimanere nel paese.

Il nuovo processo sarà aperto al pubblico e si terrà il 17 ottobre alle ore 13:30 presso il Tribunal Correctionnel di Parigi, Boulevard du Palais 4, diciassettesima camera.

Ecco la dichiarazione di Vikernes:

“Non hanno motivo di accusarmi, non ho violato alcuna legge francese! Questa è semplicemente la terza parte della campagna terroristica messa in atto dal governo socialista contro la mia famiglia. Sembrerebbe motivata dal loro disprezzo per la libertà di parola e di pensiero, e da un odio verso chiunque non sia daccordo con loro e vada contro alla loro agenda del genocidio”.

 

burzum - varg vikernes - 2012

56 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.